Coronavirus (Ansa)
Coronavirus (Ansa)

Roma, 8 luglio 2020 - Mentre nel resto del mondo l'allerta Coronavirus resta alta, anche in Italia il Covid19 non arresta la sua corsa. Continua l'allarme focolai e oggi un nuovo cluster è stato scoperto tra alcuni giovani asintomatici nella Comunità di recupero Shalom di Palazzolo sull'Oglio (Brescia). Sono dodici i positivi scoperti, dopo i 130 tamponi effettuati dall'Ats nella struttura per il recupero dei tossicodipendenti dell'Ovest bresciano, come ha spiegato Suora Rosalina Ravasio, che gestisce la struttura.

Il bollettino in Italia di ieri, 7 luglio

Caso camici, indagato il cognato di Fontana

Intanto, mentre in Veneto oggi si registrano già 7 nuovi casi, fra cui anche una bambina di un anno, a Brindisi potrebbe essere dimesso a breve il 67enne arrivato dalla Lombardia a Ostuni e risultato positivo al Coronavirus. L'uomo ora si trova nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale Perrino di Brindisi e la scoperta della positività al virus è stata successiva all'accesso al Pronto soccorso, a cui si è rivolto ieri a lamentando forti vertigini. Il dipartimento di Prevenzione della Asl brindisina ha subito avviato il tracciamento dei contatti, dopo aver appreso che il 67enne è arrivato qualche giorno fa in auto e in compagnia della moglie, che ora è in isolamento fiduciario. I due soggiornano in una villetta alquanto isolata nelle campagne di Ostuni.

Covid, tutto quello che ancora non sappiamo

Coronavirus, trasmissione aerea non esclusa

Nel frattempo il paese continua a muovere passi avanti per la ripresa dall'emerganza e il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina ha confermato il ritorno a scuola a settembre, "ma in sicurezza e tenendo in continuo monitoraggio l'andamento del contagio". L'annuncio è stato riferito nel corso di una audizione presso la Commissione Istruzione del Senato, sulle iniziative di competenza del suo Dicastero, connesse all'emergenza epidemiologica Covid19. Il ministro ha aggiunto che la scuola si sta attrezzando "come per l'esame di stato", che conterrà "indicazioni puntuali sulle misure da attuare". Al momento "Sono in corso di definizione le linee guida per l'utilizzo della didattica digitale integrata - ha sottolineato Azzolina -, proprio perché sia chiara la sua funzione di integrare, e non di sostituire, il percorso di apprendimento quale ulteriore strumento metodologico in via ordinaria e straordinaria. Per tali ragioni, a questa attività si accompagneranno nelle prossime settimane spazi di formazione del personale scolastico sulle tematiche digitali e sul rientro in sicurezza".

Focolaio in azienda del Parmense

Un focolaio con 42 positivi in tutto è stato rilevato in un'azienda della provincia di Parma, la Parmanovo, azienda di produzione di ovoprodotti, di Sanguigna di Colorno. A rilevare il nuovo focolaio è l'Azienda territoriale sanitaria Val Padana. I lavoratori risultati positivi sono tutti residenti nella zona di Casalmaggiore (Cremona) e Viadana (Mantova) e sarebbero dipendenti di una società di servizi lombarda che fornisce manodopera a diversi contesti produttivi, compresa l'azienda parmense.