Andrea Crisanti (Imagoeconomica)
Andrea Crisanti (Imagoeconomica)

Roma, 8 dicembre 2020 -  "La terza ondata in queste condizioni è una certezza. Siamo in una situazione grave stabile, ci attende un inverno preoccupante". Il professor Andrea Crisanti non ha dubbi e, a 'L'aria che tira', analizza il quadro dell'emergenza Coronavirus in Italia. "Il calo dei positivi di ieri è legato al numero dei tamponi eseguiti - continua Crisanti -. Se avessimo fatto il consueto numero di tamponi, ieri avremmo avuto 28mila nuovi casi".

Covid in Italia: il bollettino dell'8 dicembre

Spostamento tra Comuni a Natale: chi può muoversi

Riguardo le Regioni, aggiunge il virologo dell'università di Padova, mentre "in Lombardia, che è stata zona rossa, la situazione migliora", "l'Abruzzo si autodeclassa ad arancione" e "il Veneto resta avvinghiato alla zona gialla nonostante sia sul podio dei contagi e abbia tanti morti. E' tutto irragionevole. Non è un posto serio l'Italia". "Per un effetto paradosso - prosegue il professore -, una regione preparata dal punto di vista sanitario adotta misure più blande e consente la maggiore circolazione del virus. Alla fine di questa esperienza, gli indicatori di queste zone andrebbero ripensati. L'obiettivo è mantenere l'attività economica o tutelare la salute? Bisogna trovare il giusto compromesso".

Vaccino Covid, Italia in ritardo. "Così la terza ondata ci colpirà più degli altri"

E' di oggi anche la notizia dall'avvio della somministrazione del vaccino anti-Covid Pfizer BioNTech in Inghilterra. Ma "prima che il vaccino abbia effetto - commenta Crisanti - passeranno mesi, ci attende un inverno preoccupante". In particolare "l'Italia alla fine della prossima settimana sarà il paese con più morti in Europa, non è qualcosa di cui essere orgogliosi".

Riguardo le feste, "Natale, con scuole chiuse e fabbriche a ritmo ridotto, va sfruttato per ridurre i contagi", afferma ancora. "La terza ondata è una certezza in questa situazione, non c'è bisogno di previsioni. Con la riapertura delle scuole e delle attività produttive, abbiamo offerto una grande occasione al virus e i contagi sono esplosi". E conclude: "Dopo l'estate avevamo in mano una situazione gestibile e ce la siamo lasciati sfuggire. I casi residui potevano essere gestiti".