Fondazione Gimbe, il grafico sulle terapie intensive
Fondazione Gimbe, il grafico sulle terapie intensive

Roma, 29 ottobre 2020 - Il bollettino sull'epidemia da Coronavirus in Italia segna un nuovo incremento delle terapie intensive. "E' il momento di restare uniti", è il messaggio che ha lanciato stamattina il premier Giuseppe Conte, intervendo alla Camera sul nuovo Dpcm. E oggi più che mai, alla luce delle notizie che arrivano dalla Francia, molto provata dalla seconda ondata di Covid. Non sono incoraggianti le parole del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, che avverte che, sui dati dei contagi, "forse abbiamo dei numeri sottostimati". E, se è ancora più pesante la linea della Fondazione Gimbe (l'epidemia è "fuori controllo"), a tranquillizzare è il ministro Boccia: "Attivabili oltre 10.300 posti in terapia intensiva". Nonostante quindi i nuovi positivi si espandono a macchia di leopardo su tutto il territorio nazionale, la Sicilia adotta un nuovo disegno di legge, che dà la possibilità al governo regionale di adeguare la ripresa delle attività economiche all'andamento effettivo del contagio nell'Isola. 

Covid, il bilancio del 29 ottobre

Aumentano ancora i nuovi positivi in Italia: sono 26.831 i casi da Coronavirus, con un record di tamponi (201.452). Crescono anche i decessi, oggi sono 217, come le terapie intensive, +115, e i ricoveri ordinari, +983. Gli attualmente positivi sono invece arrivati a 299.191, ben 22.734 più di ieri. Di questi, 281.576 sono le persone in isolamento domiciliare. I guariti sono 279.282, in aumento di 3.878 rispetto a ieri. La percentuale di positività sul totale dei tamponi sale oggi al 13,31%, contro il 12,56% di ieri. La regione con più casi è sempre la Lombardia (+7.339), seguita da Campania (+3.103), Piemonte (+2.585), Veneto (+2.109), Lazio (+1.995) e Toscana (+1.966). Le uniche due regioni con una crescita a due cifre sono Basilicata (+86) e Molise (+94).

Il rapporto tra positivi e totale tamponi testati è del 13,31%, quello tra positivi e casi testati al 22,57%.

I numeri delle Regioni

Notizie locali / Lombardia

Sono 7.339 i positivi registrati oggi in Lombardia a fronte di 42.684 tamponi eseguiti, una percentuale del 17,1% in calo dunque rispetto a ieri. Sono 345 le persone ricoverate in terapia intensiva (+53) e 3.355 negli altri reparti, mentre il numero dei morti è di 57, il che porta il totale complessivo dei decessi a 17.414. Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 3.211 casi di cui 1.393 in città, a Varese sono stati 920, a Monza 930, a Como 573, a Brescia 382, a Pavia 317, a Sondrio 176, a Lecco 141, Cremona 138, a Bergamo 135, a Mantova 105 e 93 a Lodi.

Campania

Ci sono 3.103 casi di Covid-19 in Campania. È il numero piu' alto di sempre. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 17.735. Lo comunica l'unità di crisi della Campania, precisando che il dato dei positivi comprende lo screening fatto nel comune zona rossa di Arzano. Degli oltre 3.100 contagiati di oggi, 242 sono sintomatici e 2.861 asintomatici. Ci sono, inoltre, 20 morti, decessi avvenuti tra il 24 e il 28 ottobre, e 265 guariti. Dall'inizio dell'emergenza i casi di Covid sono stati 48.885 su 919.318, 644 i deceduti, 10.537 i guariti.

Piemonte

Sono 2.585 i nuovi casi di Coronavirus in Piemonte, a fronte di 12.787 tamponi effettuati. Registrati anche 27 decessi, mentre cresce il numero di ricoveri ospedalieri: attualmente sono 2.381(+144 rispetto a ieri), di cui 146 (+11 rispetto a ieri) in terapia intensiva.  Le persone in isolamento domiciliare sono 25.364.

Veneto

Sono 16 i decessi nelle ultime 24 ore a causa del Covid in Veneto. Dall'inizio dell'epidemia, il totale dei decessi sale così a 2.371, mentre sono più di 2 mila i nuovi casi positivi in regione (+ 2.109), per un totale di 51.244. Si avvicina sempre più quindi il passaggio in Veneto alla Fase 3, in cui sono già peraltro le province di Treviso e Belluno.

Lazio

"Su oltre 25 mila tamponi oggi nel Lazio (+2.217) si registrano 1.995 casi positivi (+32%), 15 decessi (- 4) e 214 i guariti". Sono i dati diffusi dall'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, spiegando che il rapporto tra positivi e tamponi scende sotto l'8%, mentre continua il potenziamento della rete ospedaliera Covid. "Il valore settimanale RT è 1,49 leggermente più basso a Roma città metropolitana e più alto nelle province". Si registrano anche 15 decessi.

Emilia Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 52.038 casi, 1.545 in più rispetto alla giornata precedente, su un totale di 21.860 tamponi eseguiti. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 7,1%, mentre l'età media dei nuovi positivi è di 43 anni. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 19.713. Si registrano anche 8 nuovi decessi. La situazione dei contagi nelle province, invece, vede quella di Bologna con 305 nuovi casi, quindi Reggio Emilia (288), Modena (283), Piacenza (159), Parma (140), Rimini (108), Ravenna (91), Ferrara (42). Poi Forlì (55), Imola (44) e Cesena (30). 

Toscana

In Toscana sono 38.958 i casi di positività al Coronavirus, 1.966 in più rispetto a ieri. I guariti crescono del 2,6%, 13.678 in totale. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.056.864, 15.594 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 23.970, +7,2% rispetto a ieri, mentre i ricoverati sono 1.093 (106 in più rispetto a ieri), di cui 137 in terapia intensiva (7 in più). Purtroppo, oggi si registrano 13 nuovi decessi: 7 uomini e 6 donne con un'età media di 84,4 anni. L'età media dei 1.966 casi odierni è di 44 anni circa.

Marche

Impennata dei casi positivi al Coronavirus nelle Marche (ma con più tamponi) e cresce anche il rapporto dei positivi/testati. Il bollettino di oggi rileva 686 nuovi contagiati (ieri 351). Nelle ultime 24 ore sono stati testati 3915 tamponi: 2372 nel percorso nuove diagnosi e 1543 nel percorso guariti.

Le altre Regione

Sono 716 i casi positivi in Puglia, 482 in Abruzzo e 468 in Friuli Venezia Giulia. Altri  224 contagi in Calabria.

Le altre notizie di oggi

Alto Adige, locali chiusi alle 18 e coprifuoco notturno

Carlo Calenda: "Serve un governo d’unità nazionale. Draghi sarebbe il premier ideale"

"La benzina della rivolta? Gli errori del governo"

"Mio figlio positivo, costretto a dormire in auto"