Il ricovero di un malato di Coronavirus a Milano (Ansa)
Il ricovero di un malato di Coronavirus a Milano (Ansa)

Roma, 23 marzo 2020 - Trend di contagi e decessi di Coronavirus in calo in Italia. Il bollettino della Protezione civile registra infatti 602 morti (ieri erano 651) che portano il totale delle vittime a 6.077. I casi totali di Covid-19 sono 63.927, di cui 50.418 attualmente positivi. I nuovi casi sono 3.780 (ieri erano 3.957). Sale meno invece il numero dei guariti, passati dal +952 di ieri a +408 (il totale è di 7.432). I ricoverati con sintomi sono 20.692 (+846), quelli in terapia intensiva 3.204 (+195), in isolamento domiciliare infine sono 26.522 (+2.739). 

FOCUS / Cambia ancora l'autocertificazione. Nuovo modulo in arrivo

"Più misurazioni consecutive confermano il trend e più siamo certi. Guardo con attenzione e con favore ai numeri ma non mi sento di sbilanciarmi sul confermare o meno che c'è un trend", ha dichiarato però il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro. "E' una settimana molto importante per valutare l'andamento delle nostre curve. Il nostro sforzo è quello di evitare che al Sud le curve riproducano la caratteristica che si è verificata al Nord - ha proseguito Brusaferro -. La scommessa di queste misure e del nostro paese è evitare che si riproducano le curve al sud". Nel meridione, ha sottolineato il numero uno dell'Iss, "si vedono ancora strade piene di gente e situazioni che non vediamo negli altri contesti". Attegiamento che "preoccupa". E ancora: "Siamo tutti nella stessa sfida, bisogna mantenere un atteggiamento rigoroso e unitario in tutto il paese, le dinamiche del virus non risentono della latitudine ma dei nostri comportamenti". Quindi il capo dellaProtezione civile, Angelo Borrelli ha precisato: "Anche il Sud sta potenziando la capacità di risposta all'emergenza".

I numeri regione per regione

Nel dettaglio i casi attualmente positivi sono 18.910 in Lombardia, 7.220 in Emilia-Romagna, 4.986 in Veneto, 4.529 in Piemonte, 2.358 nelle Marche, 2.301 in Toscana, 1.553 in Liguria, 1.414 nel Lazio, 929 in Campania, 771 in Friuli Venezia Giulia, 914 nella Provincia autonoma di Trento, 688 nella Provincia autonoma di Bolzano, 862 in Puglia, 681 in Sicilia, 605 in Abruzzo, 556 in Umbria, 379 in Valle d'Aosta, 343 in Sardegna, 280 in Calabria, 89 in Basilicata e 50 in Molise. 

Lombardia, in calo ricoveri e nuovi positivi

I dati sul contagio da Covid-19 in Lombardia "mostrano dei trend in calo, confermati da tanti punti di vista. Oggi forse è la prima giornata positiva di questo mese durissimo". A dirlo è l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, spiegando che i pazienti positivisono 28.761, +1.555 su ieri. Un incremento dunque in discesa."Il dato più bello", aggiunge Gallera, è il calo dei ricoveri: 9.266, mentre ieri erano 9.439, quindi 173 in meno. E' "il primo giorno che questo succede", dice l'accessore.

I dati del 23 marzo

Provincia per provincia

Incontro tra governo e opposizione

In serata si è tenuto il vertice tra governo e opposizioni a Palazzo Chigi. D'ora in poi, maggioranza e opposizione valuteranno insieme i prossimi provvedimenti normativi volti a contrastare l'emergenza.  Per mettere a punto il prossimo 'decreto aprile' il governo è pronto a collaborare. Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha ribadito che nel provvedimento ci saranno le risorse aggiuntive che serviranno per sostenere imprese e lavoratori. Sulle risorse del decreto di marzo, ha spiegato Gualtieri, è noto che i 25 miliardi sono stati già tutti impegnati accogliendo anche le richieste venute dall'opposizione. Una precisazione giunta dopo che la Lega ha lamentato il mancato stanziamento di nuovi fondi per le partite Iva. "Quantomeno ci hanno ascoltato", ha ammesso Matteo Salvini, parlando dell'atteggiamento del governo, al termine dell'incontro."Ci hanno detto che ci coinvolgeranno per il decreto di aprile. Quantomeno stasera sia l'inizio di un percorso che vede tutti insieme a collaborare", ha aggiunto. "Abbiamo detto 'no' al ricorso ai fondi del Mes", ha affermato la laeder di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. "Abbiamo chiesto maggiore serietà nella comunicazione, maggior coinvolgimento del Parlamento e dato la nostra disponibilita' a collaborare", ha aggiunto. "Siamo molto preoccupati di ciò che accade al Sud, certamente c'e' un dramma in Lombardia - ha spiegato il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani - ma bisogna impedire che il virus arrivi al Sud dove c'è un sistema sanitario piu' debole".

Palermo

Salgono a 69 le persone positive al coronavirus tra gli assistiti e il personale di una casa di riposo di Villafrati, nel palermitano. Altre 53 persone sono risultate infatti contagiate dopo essere state sottoposte al tampone. Un anziano di 90 anni, che era ospite della struttura, è morto ieri nell'ospedale di Partinico, nove sono ricoverati nello stesso nosocomio trasformato in Covid Hospital. A dare la notizia è stato il sindaco di Villafrati, Francesco Agnello, in una diretta Facebook, annunciando che il paese sta per essere dichiarata 'zona rossa'.

Morti altri due medici

Si aggiungono però altre due vittime tra i mediciLeonardo Marchi, medico infettivologo e direttore sanitario della Casa di Cura San Camillo a Cremona e Manfredo Squeri, medico ospedaliero in pensione responsabile del reparto di Medicina alla Casa di cura 'Piccole Figlie' di Parma A darne notizia è nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), secondo cui i decessi certificati di camici bianchi in attività a causa dell'epidemia da Covid-19 arriverebbero a 21. Nel nostro Paese, secondo i dati Iss, dall'inizio dell'epidemia sono 4.824 i professionisti sanitari contagiati.

Ok dall'Aifa alla sperimentazione dell'Avigan

"Il direttore generale di Aifa, Nicola Magrini, mi ha comunicato che la riunione del Comitato Tecnico-Scientifico di questa mattina, dopo una prima analisi sui dati disponibili relativi ad Avigan, sta sviluppando un programma di sperimentazione e ricerca per valutare l'impatto del farmaco nelle fasi iniziali della malattia. Nei prossimi giorni i protocolli saranno resi operativi, come gia' avvenuto per le altre sperimentazioni in corso", ha intanto dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo l'incontro con i vertici dell'Agenzia italia del farmaco.

image

Marche: altri 148 positivi

Nelle Marche ci sono 148 contagiati in più, secondo quanto comunica il Gores, il gruppo operativo regionale che gestisce l'emergenza sanitaria, A ieri, il numero dei contagi in tutta la regione è quindi salito a 2.569, il 37,87% dei 6.782 test effettuati. Negli ultimi dieci giorni la curva dei contagi rispetto ai tamponi effettuati ha un ritmo di crescita sostanzialmente stabile. Intanto il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, ha annunciato che "ci sono i primi due guariti": un uomo di 88 anni e una donna di 55, entrambi di Pesaro.

Prima vittima in Basilicata

E si registra anche la prima vittima in Basilicata: si tratta di un uomo di 77 anni della provincia di Potenza morto ospedale San Carlo di Potenza, dove è arrivato con l'ambulanza del 118 già in gravi condizioni. L'anziano  soffriva di numerose patologie e l'azione del Covid-19 avrebbe peggiorato in maniera rapida la sua situazione. Il numero dei casi positivi in regione è di 84.

Sicilia: "Pochi controlli sullo Stretto di Messina"

Intanto in Sicilia il governatore Musumeci e il sindaco di Messina De Luca denunciano un "flusso incotrollato" di auto che nella notte hanno attraversato lo Stretto di Messina per raggiungere l'isola. Nella regione sono 681 i positivi al Covid-19, 85 in più di ieri, e 27 i guariti; 310 i ricoverati e 13 i morti.

Coronavirus, i dati live

Autocertificazione per uscire 

Ecco il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispostivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19.