Coronavirus, reparto di un ospedale (Imagoeconomica)
Coronavirus, reparto di un ospedale (Imagoeconomica)

Roma, 19 novembre 2020 - Il bollettino sull'epidemia da Coronavirus in Italia segna un ulteriore incremento dei nuovi casi ma anche dei tamponi. Sono giorni in cui la curva epidemica sembra rallentare e, in base all'andamento dei contagi, il governo pensa al Natalenon sarà un 'tana libera tutti', ha avvertito Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, ma dopo il 4 dicembre "i negozi e i ristoranti potranno probabilmente ritornare ad una seminormalità". Per la Fondazione Gimbe, nonostante "si veda un primo rallentamento nella crescita dei contagi Covid", "ipotizzare un allentamento delle misure con l'obiettivo di salvare il Natale rischia di avere conseguenze molto gravi". Già prima del 25 dicembre, però, qualcosa potrebbe cambiare nella mappa tricolore ed è previsto per oggi il vertice tra Governo e regioni sui parametri per stabilire le zone di rischio Coronavirus (gialle, arancioni e rosse). Intanto, anche nel resto del mondo la pandemia corre e l'Oms Europa avverte: "Stiamo assistendo a segnali crescenti di sistemi sanitari sopraffatti". Ma buone notizie arrivano sul fronte vaccino anti-Covid: se quello della Pfizer è "efficace al 95%", oggi si apprende che quello dell'università di Oxford, Irbm e Astrazeneca "è ben tollerato, soprattutto negli anziani".

Il bollettino Covid del 20 novembre

Covid, il bilancio del 19 novembre

Si conferma in rallentamento la curva epidemica in Italia: crescono i nuovi casi, ma anche i tamponi. Sono 36.176 i contagi delle ultime 24 ore, contro i 34.283 di ieri, ma con 250.186 tamponi, quasi 16mila più di ieri. La percentuale positivi/tamponi cala ancora per il terzo giorno di fila, seppur lievemente e passa dal 14,6 di ieri al 14,46 di oggi. In calo i decessi giornalieri, 653 oggi, esattamente 100 in meno di ieri, per un totale di 47.870. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano della Protezione Civile. Le terapie intensive aumentano di 42 unità, i ricoveri di 106. I casi totali dall'inizio dell'epidemia sono 1.308.528. In calo i guariti, 17.020 (ieri 24.169), per un totale di 498.987, mentre gli attualmente positivi crescono di 18.503 unità (ieri 9.358), arrivando a 761.671 in tutto. Si conferma anche la frenata dei ricoveri: quelli in terapia intensiva sono 42 in più (ieri 58, martedì erano 120), e sono 3.712 in tutto, mentre i ricoveri ordinari crescono di 106 unità (dato più basso da settimane, ieri 430) per un totale di 33.610. Infine, 724.349 sono i pazienti in isolamento domiciliare. Riguardo le regioni, la Lombardia registra il numero più alto di nuovi positivi 7.453, seguita dal Piemonte (5.349) e dal Veneto (3.753).  

I numeri delle Regioni

Notizie locali/ Lombardia

La Lombardia supera oggi la soglia di 20mila morti per il Covid-19 da inizio pandemia. I decessi registrati nelle ultime 24 ore sono 165 e portano il conto totale a 20.015 morti da fine febbraio. I nuovi positivi diagnosticati in regione sono invece 7.453, il 19,8% dei 37.595 tamponi processati. Ricoverati in terapia intensiva 915 pazienti (+12 da ieri); non in terapia intensiva sono occupati 8.291 letti. "Oggi, per la prima volta dall'inizio della nuova ondata, il totale dei ricoveri in Lombardia ha segno negativo (-32) - ha scritto su Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana -. Un nuovo piccolo segnale di miglioramento. Potrebbe essere un dato isolato o l'inizio della discesa, i numeri non sono alti come l'ondata che abbiamo affrontato a marzo, ma i nostri ospedali si stanno occupando con enorme impegno di 8.291 persone ricoverate e 915 pazienti in terapia intensiva. Consolidare il segno "meno" su questi due numeri e' la nostra assoluta priorita': cautela, distanziamento e mascherine". 

Veneto

Continuano a crescere i casi di positività al Coronavirus in Veneto, che oggi sono 11.2691 (+3.753). Aumentano anche i morti, che toccano quota 3.057 (+38). Salgono anche gli attualmente positivi, che oggi sono 66.582 (+2276), e i negativizzati, che toccano quota 43.052 (+1439).

Campania

In Campania nelle ultime 24 ore si sono registrati 3.334 positivi al Coronavirus, 32 decessi (tra il 13 e il 18 novembre) e 2.255 guariti. Gli asintomatici sono 3.127 e i sintomatici 207. Il numero dei contagi da inizio pandemia sale a 125.276 mentre le persone decedute sono 1.192. Il numero complessivo dei guariti è 28.898. I tamponi processati complessivamente sono 1.355.455, di cui 23.496 eseguiti nella giornata di ieri. In merito ai posti letto su base regionale sono 656 quelli in terapia intensiva disponibili di cui 194 occupati. Per quanto riguarda, invece, i posti di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata, sono 3.160 di cui 2.287 attualmente occupati.

Lazio

Diminuiscono i nuovi positivi al Coronavirus nel Lazio. "Oggi, su oltre 27mila tamponi, si registrano 2.697 casi", rende noto l'assessore alla Sanita' regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 2.866, su quasi 27mila tamponi eseguiti. Cala anche il numero dei morti: sono 61 a fronte degli 80 di ieri. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 586.

Emilia Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 97.814 casi di positività, 2.160 in più rispetto a ieri, su un totale di 18.930 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi dell'11,4%, stabile rispetto a ieri. Purtroppo, si registrano 50 nuovi decessi. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 45,4 anni. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 18.930 tamponi, per un totale di 1.935.478. A questi si aggiungono anche 3.752 test sierologici. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 61.099 (1.690 in più di ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 58.276 (+1.650 rispetto a ieri), il 95,4% del totale dei casi attivi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 244 (stabili rispetto a ieri), 2.489 quelli in altri reparti Covid (+40). 

Toscana

In Toscana i nuovi casi sono 1.972 in più rispetto a ieri, su un totale complessivo, da inizio epidemia, di 88.677 unità. L'eta' media dei casi odierni è di 49 anni circa. I guariti crescono del 6,2% e raggiungono quota 32.480 (36,6% dei casi totali). Sono invece 51 i decessi. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.403.341, 17.830 in più rispetto a ieri, di cui l'11,1% positivo. Sono, invece, 8.244 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 23,9% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 3.616 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 54.124, +0,03% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.101 (14 in più rispetto a ieri), di cui 287 in terapia intensiva (5 in più). 

Covid, in Toscana 55 medici a lavoro per la chiusura delle quarantene

Sicilia

Crescono di 1.871 i casi Covid in Sicilia. Gli attuali positivi salgono, dunque, a 33.581: 1.532 i ricoverati con sintomi, 240 in terapia intensiva, come ieri, e 31.809 in isolamento domiciliare. I decessi sono 1.055, 50 in piu' di ieri. Sono 48.399 i casi totali, 13.763 i dimessi guariti, con un incremento di tamponi pari a 11.470

Puglia

Sono 1.263 i nuovi casi di Covid registrati in Puglia, a fronte di 9.386 test effettuati. Sono stati registrati 28 decessi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 685.610 test e risultate positive 39.347 persone, 9.734 sono i pazienti guariti e 28.500 sono i casi attualmente positivi.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 1.197 nuovi contagi (il 17,92 per cento dei 6.680 tamponi eseguiti) e 13 decessi da Covid-19. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 21.922. I casi attuali di infezione sono 11.835. Scendono a 48 i pazienti in cura in terapia intensiva, mentre salgono a 485 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 580. I totalmente guariti sono 9.507, i clinicamente guariti 190 e le persone in isolamento 11.112.

Liguria

Continuano a scendere i ricoveri di pazienti Covid in Liguria: in ospedale ci sono 1.438 ricoverati, meno 51 rispetto a ieri. Di questi pazienti, 119 sono in terapia intensiva. Il bollettino registra anche 15 nuovi decessi: si tratta di persone tra i 48 e i 92 anni, morti tra il 7 e il 17 novembre. Sono 2.178 le vittime da inizio emergenza. I nuovi casi di positività al Coronavirus in Liguria sono invece 792. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 6.187 tamponi, 548.215 da inizio emergenza.

Abruzzo

Sono complessivamente 21.842 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza: rispetto a ieri si registrano 649 nuovi casi (di età compresa tra 9 mesi e 96 anni). Il bilancio dei pazienti deceduti registra 9 nuovi casi e sale a 721 (di età compresa tra 76 e 99 anni). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 6.259 dimessi/guariti (+168 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 14.862 (+472 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 362.295 test (+4.813 rispetto a ieri). 658 pazienti (+37 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 74 (+9 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 14.130 (+426 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Marche

Tornano a crescere i contagi Covid e anche l'incidenza di positività nelle Marche. Secondo il bollettino del Coronavirus di oggi sono 667 i nuovi casi rilevati nelle ultime 24 ore. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che sono stati testati complessivamente 3.795 tamponi (2213 nel percorso nuove diagnosi e 1582 nel percorso guariti).  La percentuale di positivi torna a salire, dopo una lieve flessione nei giorni scorsi: oggi è al 30,1% su 2.213 tamponi processati nel percorso nuove diagnosi.

Umbria

Sono stati 556 i nuovi casi Covid registrati in Umbria a fronte di 5.509 tamponi. Il tasso di positività è quindi intorno al 10%, in leggero calo rispetto al 10,6% di ieri. Registrati inoltre 438 guariti e sette decessi. Con 446 ricoverati, due più di ieri, 76 dei quali in terapia intensiva (uno in più).

Calabria

"In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 327.394 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 334.533 (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu' test). Le persone risultate positive al coronavirus sono 12.512 (+506 rispetto a ieri), quelle negative 314.882". Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al coronavirus: i decessi dall'inizio dell'emergenza sono 202 (+5 rispetto a ieri).

Sardegna

In Sardegna nelle ultime 24 ore si registrano 479 nuovi casi, 199 rilevati attraverso attività di screening e 280 da sospetto diagnostico, e 12 decessi (362 in tutto). Salgono a 16.997 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati dall'inizio dell'emergenza.

Basilicata

 Su 2.147 tamponi processati ieri in Basilicata 290 sono risultati positivi al Coronavirus. Il totale dei lucani attualmente positivi è così salito in 24 ore da a 4.335 a 4.592. La task force regionale ha inoltre segnalato due decessi: dall'inizio dell'epidemia le vittime in Basilicata sono state 101. È lieve l'aumento delle persone ricoverate (175 rispetto alle 172 del precedente aggiornamento), mentre resta fermo a 28 il dato delle terapie intensive. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria, in Basilicata, sono stati analizzati 134.214 tamponi, di cui 127.443 risultati negativi.

Le altre notizie di oggi

"L’immunità al Covid può durare anni". Il virologo: ecco come vinceremo la sfida

"Tornare in classe? I ragazzi hanno ragione". I presidi: didattica a distanza non funziona

Coronavirus, la follia negazionista invade Berlino. "Gli agenti ci sparano vaccino"