Shopping ai tempi del Covid (Ansa)
Shopping ai tempi del Covid (Ansa)

Roma, 18 ottobre 2020 - Coronavirus in Italia: c'era grande attesa anche oggi  per il bollettino quotidiano del ministero della Salute sull'andamento dell'epidemia di Covid-19 dopo due giorni di contagi oltre quota 10mila (qui il bollettino di sabato 16 ottobre).

Covid, bollettino del 19 ottobre

E purtroppo anche oggi la curva dei contagi è in crescita: i nuovi positivi sono 11.705 (contro i 10.925 di ieri). Ma sono stati processati ventimila tamponi in meno con la conseguenza che il rapporto nuovi positivi-tamponi è schizzato all'8% (contro il 6,6% di ieri). Balzo anche deceduti: + 69. Oltre 500 nuovi ricoveri dei quali 45 in terapia intensiva. Molti di più rispetto a ieri i dimessi/guariti: 2.334.

Oggi (domenica) è anche il giorno decisivo per il nuovo Dpcm che il governo adotterà per imporre ulteriori misure restrittive per limitare la crescita impetuosa del contagio. In mattinata vertice Stato-Regioni: le Regioni hanno chiesto di tenere aperte le palestre e chiusura dei locali alle 24. Trasporti, smart working, orari dei locali pubblici i temi sul tappeto: qui le ultime notizie in tempo reale.

Covid, il bollettino di oggi

Complessivamente dall'inizio della pandemia è stata accertata la positività di 414.241 persone, + 11.705 nelle ultime 24 ore (ieri + 10.925). Gli attualmente positivi sono 126.237, + 9.302 (ieri + 9.623). I dimessi/guariti sono 251.461, + 2.334 (ieri + 1.255). I deceduti sono 36.543, + 69 (ieri + 47). I ricoverati con sintomi sono 7.131, + 514 (ieri + 439). In terapia intensiva ci sono 750 pazienti, + 45 (ieri + 67). I tamponi processati oggi sono 146.541, circa 20mila in meno rispetto a ieri (165.837). Il rapporto nuovi positivi-tamponi processati è dell'8% (ieri il 6,6%). In isolamento domiciliare risultano 118.356 persone (8.743 più di ieri). Per quanto riguarda i nuovi casi nelle singole regioni, picco di contagi in Lombardia 2975, Campania 1.376, Lazio 1.198 e Piemonte 1.123. La regione meno colpita è il Molise con 27 nuovi casi.

La tabella

Lombardia

Si contano oggi in Lombardia 2.975 nuovi positivi e 21 morti. Più di 1.000 i ricoverati. Sono questi i dati del report sintetico della Regione per oggi, domenica 18 ottobre. Le terapie intensive aumentano di 14 unità, i pazienti sono 110, di cui 84 intubati. Crescono anche i ricoverati, 122 in più in 24 ore. Gli ospedalihanno riaperto i reparti speciali. In provincia di Milano 1.463 i nuovi positivi.

Toscana

Sono oggi 906 i nuovi casi in Toscana (849 identificati in corso di tracciamento e 57 da attività di screening) su un totale di casi, registrati dall'inizio dell'epidemia, pari a 22.802 unità. I nuovi casi sono il 4,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 906 casi odierni eèdi 42 anni circa (il 22% ha meno di 20 anni, il 25% tra 20 e 39 anni, il 31% tra 40 e 59 anni, il 16% tra 60 e 79 anni, il 6% ha 80 anni o più).

Emilia Romagna

Sono 526 in più di ieri i positivi al Coronavirus in Emilia-Romagna dove nelle ultime 24 ore si registrano altri sei morti. Dei nuovi casi, su 9.189 tamponi, 220 sono asintomatici, 148 erano già in isolamento, 232 sono stati individuati nell'ambito di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 43,5 anni.

Piemonte

Nuovo balzo dei contagi in Piemonte, dove nelle ultime 24 ore l'Unità di crisi regionale ha registrato due decessi e 1.123 decessi, il numero più alto della settimana.

Lazio

"Su 23 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 1.198 casi positivi (il dato tiene conto di 197 recuperi di ritardate notifiche nelle ultime 48 ore, in particolare nella Asl di Frosinone), 6 i decesso e 49 i guariti". Così l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato. "A Frosinone record dei casi" ha aggiunto D'Amato. Nella Asl di Frosinone - si legge nel bollettino di oggi - si registrano 275 casi e il dato tiene conto di recuperi di notifiche arretrate".

Veneto

Il Veneto registra l'aumento più alto di casi Covid in questa seconda ondata del virus, con 800 nuovi contagiati in 24 ore. Il numero di infetti dall'inizio
dell'epidemia (compresi guariti e vittime) sale a 35.851. Lo afferma il bollettino della Regione. Si contano anche 9 decessi, che portano il dato dei morti a 2.256. Schizza verso l'alto il numero dei ricoveri: sono 467 oggi le persone nei reparti non critici, 44 più di ieri, e 52 i pazienti in terapia intensiva
(+2). Sono in calo invece i soggetti in isolamento domiciliare, 13.809 (-442), dei quali 5.0103 positivi.

Campania

Stop all'incremento dei contagi in Campania. Secondo l'ultimo bollettino dell'Unità di Crisi su 14.256 tamponi (ieri 14.704) si sono registrati 1.376 positivi (1.321 asintomatici, 55 sintomatici) rispetto ai 1.410 precedenti. Ci sono due morti mentre i guariti sono 199.

Marche

In un solo giorno, i casi individuati nelle Marche si sono quasi raddoppiati: sono stati 204 rispetto ai 121 resi noti ieri, con un'incidenza tra positivi e i 1.662 test effettuati nel percorso per le nuove diagnosi (il numero più alto dall'inizio della pandemia, ndr.), salita al 12,3%; ieri era stata del 9,9% rispetto ai 1.221 tamponi. Il totale dei casi accertati dall'inizio della pandemia è salito così a 9.458.

Abruzzo

Oggi in Abruzzo 221 nuovi positivi: 76 a L'Aquila, 34 a Chieti, 33 a Pescara, 75 Teramo. Su 3 sono in corso accertamenti sulla residenza) su 3718 tamponi eseguiti, 1 deceduto (un 60enne della provincia dell'Aquila), 183 ricoverati (di cui 13 in terapia intensiva), 2330 in isolamento domiciliare, 3187 dimessi/guariti, 2513 attualmente positivi. I nuovi casi di oggi hanno età compresa tra 4 mesi e 100 anni.

Umbria

Nuovo record di contagi al Covid-19 in Umbria: sono 327 i casi accertati nelle ultime 24 ore. Un dato che supera il boom di 263 contagi registrato nei giorni scorsi e che emerge da un totale di 3.412 tamponi processati (sono invece 253.302 quelli complessivamente eseguiti dall'inizio della pandemia). I nuovi ricoveri sono 14: in tutto sono 129, con due pazienti in meno in terapia intensiva (da 16 a 14). I guariti nelle ultime 24 ore sono 26 (2.214 in tutto). Gli attualmente positivi salgono a 2.436 e sono 4.742 i casi totali registrati in Umbria fino ad ora.

Sardegna

Sono 6.096 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale si registrano 230 nuovi casi, 113 rilevati attraverso attività di screening e 117 da sospetto diagnostico. Si registrano due nuove vittime.

Calabria

In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 236.641 soggetti per un totale di 238.747 tamponi eseguiti (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu' test). Le persone risultate positive al coronavirus sono 2.761 (+78 rispetto a ieri), quelle negative 233.880.

Le altre notizie di oggi

Cominciano intanto a tornare in sofferenza gli ospedali. L'allarme viene da Claudio Micheletto, pneumologo di Verona: "Stiamo facendo una 'chiamata alle armi', dobbiamo richiamare medici e infermieri. Qui è peggio che a marzo". E in Campania da oggi stop ai ricoveri programmati.

Sulla seconda ondata il professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, ritiene che se si raggiungeranno i 600mila contagi l'epidemia sarà da considerarsi "fuori controllo".

Il Coronavirus ha colpito anche Antonio Ricci, il papà di 'Striscia la notizia' ricoverato all'ospedale di Albenga. Mentre torna alta l'attenzione sulle case di riposo: ad Alberobello in Puglia si è acceso un focolaio con 71 positivi e un anziano deceduto. Grande attenzione anche alla movida, tra gli imputati principali della seconda ondata. A Milano un primo check delle nuove misure avrebbe accertato un sostanziale rispetto degli orari di chiusura alle 24. Controlli e multe anche a Catania e a Napoli.

Nel mondo ormai raggiunta quota 40 milioni di contagi, superato il milione e 100 morti. 

Il tenore Francesco Meli, impegnato nel ruolo di Radames in scena al Piermarini, scrive su Facebook: "Cari amici, vi comunico che sono risultato positivo al Covid e che pertanto domani non canterò all'ultimo concerto di Aida alla Scala. Vi rassicuro tutti, sono asintomatico e mi sento bene - aggiunge - trascorrerò la quarantena nella mia casa di Genova, attenendomi rigorosamente ai protocolli sanitari. Vi terrò aggiornati, fiducioso - conclude il tenore quarantenne - di tornare a cantare prestissimo".

Leggi anche: 

Via libera alla manovra da 40 miliardi

Covid, di cosa parlano nel resto del mondo

Firenze, giorno nero

Milano, viola la quarantena: sorpreso in metropolitana