Coronavirus e salute mentale
Coronavirus e salute mentale

Un'indagine condotta dall'American Psychological Association (APA) lancia l'allarme sulla tenuta psicologica delle persone che affrontano l'emergenza coronavirus dovendosi anche preoccupare di figli minorenni. Il campione statistico preso in esame riguarda solo la popolazione degli Stati Uniti, ma i risultati ottenuti si prestano comunque a una riflessione più ampia, fornendo prove di come la pandemia abbia sottoposto molti genitori a gravi livelli di stress.

Il lavoro degli scienziati si è avvalso dei dati raccolti dall'azienda The Harris Poll dal 24 aprile al 4 maggio 2020, nel primo di tre rilevamenti per valutare l'impatto di Covid-19 sulla salute mentale. Su oltre 3 mila adulti coinvolti, il sondaggio ha evidenziato che circa il 50% dei genitori denuncia un grado di stress elevato correlato alla pandemia (valori superiori a 8 in una scala da 1 a 10). Analoghi livelli di stress sono stati invece riscontrati solo nel 28% degli intervistati che non hanno figli sotto i 18 anni.

Tra i tanti fattori analizzati, sul banco degli imputati è finito soprattutto l'abbinamento smartworking e scuole chiuse, con il 71% dei genitori che afferma che la gestione della didattica a distanza rappresenta una fonte significativa di tensione nervosa. Rispetto a chi non ha figli, aumentano inoltre in modo esponenziale le ansie relative ai bisogni di base come casa e cibo (70% contro 44%), all'accesso ai servizi sanitari (66% contro 44%), e alla mancanza di gratificazioni personali (63% contro 43%).

Nel commentare i risultati preliminari dell'indagine, l'amministratore delegato di APA Arthur Evans, ha spiegato che "le conseguenze sulla salute mentale della pandemia da coronavirus sono immense e in crescita", e per questa ragione "dobbiamo prepararci [ad affrontare] le implicazioni a lungo termine del trauma collettivo che sta subendo la popolazione". Evans ha inoltre sottolineato che, a fronte di una crisi economica che sta schiacciando gli adulti sotto enormi pressioni, occorre intensificare gli sforzi per preservare il benessere psicologico dei più piccoli. "I bambini sono osservatori appassionati e spesso notano lo stress, reagendo all'ansia di chi si prende cura di loro". In conclusione, ha detto Evans, diventa fondamentale per i genitori "dare priorità alla cura di se stessi, e fare del proprio meglio per modellare comportamenti sani con cui affrontare tensioni e paure".