Coronavirus, operazione di disinfezione in Corea del Sud (Ansa)
Coronavirus, operazione di disinfezione in Corea del Sud (Ansa)

Roma, 26 febbraio 2020 - "Mio cuggino mi ha detto che una volta da bambino ha curato il Coronavirus". Se Elio e le storie tese dovessero tornare insieme per rinfrescare senza troppa fatica il capolavoro assoluto dell’album ‘Eat the phikis’ che prende di mira le leggende urbane più becere, potrebbero tranquillamente attingere all’universo parallelo di pseudoscienza sul Covid-19 che ha contagiato soprattutto i social.
Da qualche giorno, per esempio, gira su WhatsApp un messaggino, immediatamente intercettato da Bufale.net, che avrebbe fatto alzare entrambe le sopracciglia anche ai più ferventi devoti delle scie chimiche. "Lo zio e il nipote di un mio compagno di classe, si è laureato con un master e – questo lo sgangherato testo, perfino a livello grammaticale, che circola di cellulare in cellulare – lavora all’ospedale di Shenzhen. Viene trasferito per studiare il virus della polmonite di Wuhan. Mi ha appena chiamato e mi ha detto di dire ai miei amici: se hai il naso che cola e l’espettorato quando hai il raffreddore, non puoi essere un nuovo tipo di polmonite da Coronavirus, perché la polmonite da Coronavirus è una tosse secca senza naso che cola". Ovviamente non c’è nulla di vero – nemmeno le millantate parentele – in questa fantasiosa diagnosi fai da te. Ma il ‘mio cuggino’ che domina sulla Rete, oltre a poter riconoscere un contagiato a dieci chilometri di distanza, ha già trovato anche la cura.

"Il virus Wuhan – per non deludere i feticisti dei testi integrali – non è resistente al calore e verrà ucciso a una temperatura di 26-27 gradi. Pertanto, bere più acqua calda. Puoi dire ai tuoi amici e parenti di bere più acqua calda per prevenirla. Vai sotto il sole, ricorda di non bere ghiaccio". E i ricercatori che stanno disperatamente cercando un vaccino muti.

Via chat circola anche un audio che annuncia la chiusura di tutte le scuole in Campania fino al 5 marzo. Decisione irrevocabile presa direttamente dal governatore De Luca. Peccato che la notizia – la variante moderna della telefonata con accento svedese ’C’è una bomba in classe’ – sia stata inventata di sana pianta probabilmente da qualcuno che temeva un’interrogazione a sorpresa in latino.

Anche il presidente francese Emmanuel Macron è stato tirato in ballo. Secondo diversi siti dalla stessa credibilità e affidabilità di Michele Misseri, il numero uno dell’Eliseo avrebbe dichiarato alla stampa: "Italiani codardi, è solo un’influenza, ripigliatevi". L’utilizzo di un verbo che si sente praticamente solo fuori dalle discoteche verso le 5 del mattino avrebbe dovuto insospettire anche i più creduloni, ma nel caso ve lo stiate chiedendo... sì, la notizia è falsa.

E poi c’è anche chi ha un’amica con il marito che lavora in Regione Lombardia. "Entro domani – questo un altro audio che circola – decidono se tra lunedì e martedì attivano la quarantena anche per Milano. Quindi vuol dire… tutti i negozi pubblici chiusi! Fate la spesa, organizzatevi con le scorte". Tutto falso, perché come chiosava Elio: "Mio cuggino parla coi rutti".