Carceri in rivolta: Modena, S. Vittore, Poggioreale, Foggia
Carceri in rivolta: Modena, S. Vittore, Poggioreale, Foggia

Roma, 9 marzo 2020 - L'emergenza coronavirus continua a infiammare le carceri. Dopo lo stop ai colloqui per contenere il contagio, le rivolte si moltiplicano con ritmo esponenziale: disordini in 27 istituti di pena in tutta Italia. A Modena, Pavia, Napoli, Salerno, Vercelli, Frosinone, Cremona, si sono aggiunte Foggia (dove sono riusciti a fuggire 20 detenuti), Milano, Palermo, Reggio Emilia, La Spezia, Roma, e non solo: sono 22 gli istituti interessati da rivolte e proteste (bilancio del Dap, il Dipartimento della amministrazione penitenziaria).

Modena, 7 morti in carcere 

A Modena la situazione più esplosiva: si contano 7 detenuti morti (probabilmente per overdose di metadone e altri farmaci), altri tre gravi in prognosi riservata e 18 intossicati. Particolarmente alta la tensione anche nel carcere milanese di San Vittore, dove i detenuti sono saliti sul tetto. E a Verona ed Alessandria due detenuti sono morti per overdose da psicofarmaci, sottratti dalle infermerie durante le proteste, mentre a Prato sono stati appiccati incendi in alcune celle. La protesta si estende col passare delle ore. Nel carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso alcuni detenuti hanno dato fuoco a dei materassi e i loro parenti hanno occupato via Tiburtina per quasi mezz'ora: strada nel caos, traffico bloccato e disordini. 

image

Intanto sulla situazione carceraria mercoledì 11 marzo in Senato si terrà l'informativa del ministro della giustizia Alfonso Bonafede. Dal pomeriggio le proteste sono lentamente rientrate. 

 Bologna, scoppia la rivolta anche alla Dozza

Foggia, caccia a 20 evasi in fuga: il video

Una ventina di detenuti sarebbe evasa dal carcere di Foggia nel corso della rivolta: una piccola folla di detenuti è riuscita a scappare dal carcere ma una 36 di loro sono stati riacciuffati nelle immediate vicinanze dalle forze di polizia. I commercianti che si trovano nelle vicinanze della casa circondariale sono stati invitati dalle forze dell'ordine a chiudere i locali. I detenuti hanno divelto un cancello della 'block house', la zona che li separa dalla strada, e si sono arrampicati sui cancelli del perimetro del carcere.

Un video in cui si vedono i detenuti evasi questa mattina dal carcere di Foggia rapinare alcune auto per fuggire è diventato virale sul web. Le immagini sarebbero state riprese dalle telecamere di sorveglianza del capannone di un'attività commerciale che si trova nei pressi del carcere. Nel video si vedono i detenuti bloccare le auto, far scendere i proprietari e fuggire a bordo dei veicoli. Alcuni detenuti avrebbero anche tentato di nascondersi in attività commerciali della zona, in particolare in un supermercato, cercando di confondersi tra i clienti.

Milano, infermeria devastata a San Vittore

image

Rivolta anche nel carcere di San Vittore, dove alcuni detenuti sono saliti sul tetto della casa circondariale urlando 'libertà, libertà'. Sul posto sono arrivate le volanti di polizia. In particolare a salire sul tetto sono stati i detenuti del reparto 'La Nave'. La rabbia è salita al punto che si parla di 'devastazione' dell'infermeria e hanno aperto armadietti e cassaforti: come è successo altrove il pericolo è che ingurgitino il metadone usato per placare la tossicodipendenza da eroina.

image

La Spezia, detenuti sul cornicione

In rivolta anche i detenuti del carcere di Villa Andreino a La Spezia. La direttrice Maria Cristina Biggi e alcuni operatori sono "asserragliati all'interno per cercare di riportare la situazione alla calma", racconta un operatore, mentre alcuni detenuti sono saliti sul cornicione. Intorno alla struttura sono dispiegate decine di auto delle forze dell'ordine per evitare eventuali tentativi di evasione. Nel carcere spezzino ci sono 225 detenuti, per una capienza di 160.

Palermo, chiuse le strade

Tentativo di evasione dal carcere Ucciardone a Palermo. Alcuni detenuti per protesta hanno tentato di scavalcare la recinzione dell'istituto di pena per cercare di fuggire. Il tentativo è stato bloccato dalla polizia penitenziaria. Il carcere è circondato dai carabinieri e polizia in tenuta antisommossa. Anche le mura del carcere sono presidiate. Le strade attorno a vecchio carcere borbonico sono chiuse. Ieri sera la protesta era scattata anche al Pagliarelli, il secondo carcere di Palermo.

Nel pomeriggio il carcere dell'Ucciardone è stato blindato, tutte le vie di accesso chiuse al traffico e presidi di controllo della polizia di stato nel punto più vicino tra i "bracci" e le mura di recinzione. Diversi familiari, proprio in via Borrelli, hanno 'comunicato' urlando verso il carcere da cui provenivano urla dai detenuti. Nelle guardiole, sui bastioni, sono presenti agenti di polizia penitenziaria, che vigilano da dietro i vetri blindati dopo che alcuni detenuti avrebbero tentato di scavalcare una prima recinzione in ferro che precede le antiche mura di recinzione.

Modena, morti di overdose

Sale a sette il numero di detenuti morti dopo la rivolta dell'8 marzo. È morto oggi pomeriggio nel carcere di Marino del Tronto uno dei 41 detenuti trasferiti la scorsa notte da quello di Modena dopo i tumulti e il saccheggio dell'infermeria. A causare del decesso dell'uomo, un 40enne, sarebbe stata un'overdose. Un altro dei detenuti giunti da Modena, sarebbe in condizioni gravissime sempre per l'assunzione di oppiacei avvenuta prima dell'arrivo nel carcere ascolano.

 Le proteste sono cominciate domenica verso ora di pranzo, quando alcuni detenuti hanno dato fuoco ai locali di uno dei padiglioni del carcere. La situazione, nelle ore, è degenerata fino a trasformarsi in guerriglia, con l'arrivo nella struttura di Strada Sant'Anna di agenti della polizia e militari dei carabinieri in tenuta antisommossa che hanno tentato di sedare la rivolta. Decine di carcerati sono stati bloccati e trasferiti in altre strutture. Alcuni detenuti, però, prima di arrendersi hanno assaltato l'infermeria trafugando confezioni di metadone e altri farmaci. E proprio l'abuso di sostanze stupefacenti dovrebbe essere la causa dei decessi.  Tra le persone rimaste ferite, anche un agente della penitenziaria e sette sanitari finiti in ospedale ma con lesioni lievi.

Il garante dei detenuti: alleggerire il sovraffollamento

Mettere in campo "misure straordinarie" per "alleggerire le situazioni di sovraffollamento". E' l'invito che viene dal Garante nazionale per i diritti dei detenuti, data la "situazione in atto". Le misure, afferma il Garante, vanno messe a punto "superando un concetto di prevenzione fondata sulla chiusura al mondo esterno, affiancando a provvedimenti di inevitabile restringimento misure che diano la possibilita' di ridurre le criticita' che la situazione carceraria attuale determina e che permettano di affrontare con piu' tranquillita' il malaugurato caso che il sistema sia investito piu' direttamente dal problema" relativo all'emergenza coronavirus.

Il cappellano: polveriera di rabbia

Le carceri rischiano di diventare "una polveriera di rabbia e di violenza", afferma don Raffaele Grimaldi ispettore generale dei Cappellani delle carceri.  "Questo è un momento delicato per le carceri, chi ha una responsabilità è chiamato a interrogarsi su cosa fare per dialogare e vivere con serenità questo momento difficile. In alcune parti già sono stati presi alcuni provvedimenti: il tribunale di Napoli, ad esempio, ha messo tutti coloro che sono in semilibertà fuori per 15 giorni, così che invece di tornare a dormire in carcere rimangono a casa. E' un provvedimento che può creare dialogo, perché purtroppo se non c'è questo dialogo possiamo anche fermare tutte le violenze ma queste carceri rischiano di diventar polveriere di rabbia e di violenza, e non lo vogliamo". 

I dati: sovraffollamento al 140%

"L'emergenza Coronavirus arriva dopo un anno di sofferenze penitenziarie, in cui, soprattutto in Lombardia, la sanità inframuraria è stata spesso inadeguata (nei numeri, nei servizi, nelle risposte). Un anno di sofferenze che hanno investito tanto i detenuti quanto gli agenti, e tutto il personale penitenziario, che arriva a nervi tesi a questa emergenza", scrive su Facebook Valeria Verdolini, presidente dell'associazione Antigone Lombardia. Verdolini sottolinea: "il 29 febbraio erano presenti in Italia 61.230 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare di 50.931 posti, con un sovraffollamento oltre il 120%".

"Nelle zone arancioni del Dpcm sono presenti 14.449 persone ristrette, il 23,6% di tutti i detenuti d'Italia, così distribuite: 2365 Emilia-Romagna; 8.720 Lombardia (il sovraffollamento regionale qui sale al 140%, con picchi a Como del 195%), 238 Marche, 1751 Piemonte, 1375 Veneto. Sono numeri distribuiti in spazi angusti, in celle pensate per spazi vitali con meno presenze. Il sovraffollamento significa il terzo letto, e passare gran parte della giornata per pochi cm sopra la soglia dei 3 metri quadri a persona".