Coronavirus, un operatore sanitario in ospedale (Ansa)
Coronavirus, un operatore sanitario in ospedale (Ansa)

Roma, 16 ottobre 2020 - Il bollettino di oggi sul Coronavirus arriva in una giornata cruciale. Sul tavolo del governo infatti è pronta una nuova stretta, con l'obiettivo di ridurre il contagio e allontanare lo spettro del lockdown. Le cifre diffuse dal Ministero della Salute illustrano il primo superamento dei 10mila nuovi casi in un giorno e l'ennesimo balzo di ricoveri e terapie intensive. La situazione si complica in diversi ospedali. Attualmente, a quanto si apprende, allo Spallanzani di Roma è occupato tra il 60 e il 70% dei posti disponibili. C'è un aumento dei ricoveri, ma la situazione è "gestibile" grazie all'incremento dei posti fatto nei mesi scorsi, viene spiegato. Da oggi comunque la struttura accetta solo pazienti Covid. E mentre in Europa il virus corre senza freni, l'Oms fa sapere che dal remdesivir non ci sarebbero benefici per la cura del Covid. Per quanto riguarda il vaccino l'Ema afferma che potrebbe arrivare nella primavera del 2021. 

Covid, l’epidemiologo: ecco come evitare il lockdown

Il bollettino del 16 ottobre

Superati i 10mila contagi in 24 ore: 10.010 (2.419 in Lombardia). I morti sono 55. I ricoverati con sintomi sono 6.178 (+382), le terapie intensive 638 (+52). In calo i tamponi, a quota 150.377 tamponi, 12mila meno di ieri. Gli attualmente positivi sono 107.312.

Le notizie locali / Lombardia

Contagi ancora in crescita in Lombardia anche se meno repentina dei giorni scorsi. I nuovi casi sono stati nelle ultime 24 ora 2.419 contro i 2.067 del giorni precedente con una sostanziale parità di tamponi a quota 30.587, per una percentuale che dal 6.3% di ieri sale al 7,9%. Netto calo per i decessi: oggi 7 contro i 26 di ieri. In calo anche i pazienti in terapia intensiva da 72 a 71. Nella città metropolitana di Milano i contagi sono 1.319, nel capoluogo 604.

Campania

Anche oggi in Campania superati i mille positivi al Covid-19 in 24 ore. Sono, infatti, 1.261 i contagi di cui 68 sintomatici e 1.193 asintomatici facendo salire il totale, da inizio pandemia, a 23.033. Si registrano anche 3 decessi e 148 guariti. I decessi aumentano a 499 e le persone guarite salgono a 8.180. Il totale dei tamponi eseguiti è 737.227 di cui 14.222 effettuati nella giornata di ieri. Per quanto riguarda il report dei posti letto su base regionale: quelli in terapia intensiva complessivi sono 110, di cui 67 occupati mentre per la degenza sono 820 quelli complessivi e 786 gli occupati.

Piemonte

Sono 821 oggi i nuovi casi in Piemonte, di cui 487 asintomatici, a fronte di 9.707 tamponi effettuati. Tra i positivi sono 4 le vittime, mentre è in ascesa il numero dei ricoveri ospedalieri: 658 (+63 rispetto a ieri), di cui 43 in terapia intensiva, 3 in più rispetto a ieri. Registrati inoltre 85 pazienti guariti.

Lazio

Netto aumento dei nuovi positivi al Covid nel Lazio. "Su quasi 20 mila tamponi oggi si registrano 795 casi", rende noto l'assessore alla Sanita' regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 594 su quasi 16mila tamponi eseguiti. Cinque i decessi e 78 i guariti.

Toscana

Si contano altri 755 casi positivi in Toscana, il 10 per cento delle persone sottoposte a controllo, e due decessi - uno in provincia di Massa Carrara e l'altro nell'area fiorentina, età media 82 anni. Salgono dunque a 8.515, più 7,7 per cento, le persone al momento ancora ammalate. Di questi solo in 359 sono comunque ricoverati in ospedale (37 in più rispetto a ieri), di cui 51 in terapia intensiva (5 in più). Gli altri si trovano in isolamento a casa, perché privi di sintomi o senza la necessità di particolari cure sanitarie. L'età media è di 44 anni circa. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati analizzati 11.500 tamponi. I soggetti testati ieri, esclusi i tamponi di controllo, 7.525.

Veneto

Sono 34.277 il totale dei positivi in Veneto dall'inizio dell'emergenza ad oggi, 704 in più nelle ultime 24 ore. Sale anche il numero delle persone in isolamento domiciliare, in totale 13.873, 900 in più rispetto a ieri. Sette i decessi conteggiati nell'ultima giornata.

Emilia-Romagna

Sono 544 le nuove positività in Emilia-Romagna registrate nelle ultime 24 ore. I tamponi effettuati sono 13.563. Si annota inoltre un nuovo decesso: si tratta di una donna di 95 anni, in provincia di Piacenza. Dei nuovi positivi, sono 252 gli asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. L'eta' media dei nuovi positivi di oggi è 38 anni. Per quanto riguarda la situazione nelle province, i numeri più elevati si registrano in quelle di Bologna (110), Reggio Emilia (77), Piacenza (61), Modena (58), Parma (58), Rimini (56), Ferrara (45), a Forli' (34), Ravenna (23), a Cesena (11).

Puglia

Sono statiu registrati in Puglia 313 casi positivi nelle ultime 24 ore: 162 in provincia di Bari, 8 in provincia di Brindisi, 40 nella provincia BAT, 45 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Lecce, 52 in provincia di Taranto, 1 provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 5 decessi: 2 in provincia di Bari, 1 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto.

Marche

Nelle Marche nelle ultime 24 ore sono stati testati 2.198 tamponi: 1191 nel percorso nuove diagnosi e 1007 nel percorso guariti. I nuovi positivi sono 115: 28 in provincia di Ascoli Piceno, 50 in provincia di Ancona, 17 in provincia di Macerata, 17 in provincia di Fermo, 2 in provincia di Pesaro Urbino e 1 fuori regione. Questi casi comprendono 21 soggetti sintomatici.

Calabria

Boom di contagi nelle ultime 24 ore in Calabria. I positivi sono cresciti di 102 unità contro i 39 di ieri. È il numero più alto registrato dall'inizio della pandemia. In primavera il numero più alto fu registrato il 27 marzo quando i contagi giornalieri furono 101. Rispetto ad allora, però, oggi sono praticamente triplicati i tamponi fatti, 2.758 contro 968.

Basilicata

La curva dei contagi in Basilicata continua a salire. Dai 1.116 tamponi processati ieri, emergono 74 nuove positività, 17 però riguardano pugliesi che hanno fatto il test in Basilicata. Nella giornata di ieri si è verificato un altro decesso e sono guarite 12 persone. I lucani attualmente positivi sono 482 e di questi 448 si trovano in isolamento domiciliare. Sono 37 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane.

I fronti aperti / Terapie intensive

Ad oggi "in dieci Regioni la tenuta delle terapie intensive è particolarmente a rischio, poiché ci si sta avvicinando alla soglia massima fissata dal ministero della Salute del 30% di posti dedicati a malati Covid occupati; tuttavia, ci troviamo in una situazione di allerta in tutte le Regioni perché si rischia, nel breve termine, una saturazione dei posti Covid se il trend dei contagi non si modificherà". È il quadro delineato dal presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani-emergenza area critica (Aaroi-Emac), Alessandro Vergallo. Nelle terapie intensive, avverte, "la pressione sta crescendo e iniziamo a vivere la paura che si possa tornare alla situazione drammatica della prima fase epidemica".

App Immuni

Rispetto all'andamento dei download eseguiti dell'app Immuni, si segnala un significativo trend in crescita a partire dal 2 ottobre 2020. In particolare si segnala un differenziale dei download pari a +1.124.755 nella settimana dal 6/10 al 13/10 (+15,03%). Lo evidenzia il Report settimanale dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica, campus di Roma (Altems).