Coronavirus, test a Milano (foto Ansa)
Coronavirus, test a Milano (foto Ansa)

Roma, 10 settembre 2020 - Il nuovo bollettino sul Coronavirus in Italia, con gli aggiornamenti del Ministero della Salute, indica una nuova risalita dei contagi: dopo che già ieri si era superato il tetto dei 1400 positivi, oggi sono oltre i 1.500.  Intanto nel mondo la pandemia continua a correre: sono oltre 900mila le vittime, precisamente 900.052 secondo il calcolo dell' Afp, basato su dati ufficiali e i casi confermato sono 27.711.866. Tornando al nostro Paese, la Fondazione Gimbe rileva che crescono, nella settimana tra il 2 e l'8 settembre, i numeri del Covid. Rispetto alla precedente, nella settimana presa in considerazione, si è registrato un incremento dei nuovi casi (9.964 vs 9.015) e dei casi attualmente positivi (33.789 vs 26.754). Aumentano anche i pazienti ricoverati con sintomi (1.760 vs 1.380), quelli in terapia intensiva (143 vs 107) e i decessi (72 vs 46).

Napoli, il presidente De Laurentiis positivo al Coronavirus

Intanto, l'ipotesi di una riduzione della quarantena da 14 a 10 giorni sarà valutata dal Comitato Tecnico Scientifico nella riunione di martedì prossimo. In attesa delle valutazioni degli esperti, la linea del Ministero della Salute resterebbe quella della cautela. La misura che è stata proposta in Francia per 7 giorni, ma che ancora non è stata adottata, sarà valutata per l'Italia con un passaggio inferiore, da 14 a 10 giorni.

Scuola, quasi il 50% del personale ha fatto il test: 13mila positivi al Covid

Il bollettino Covid 

Ancora in aumento i contagi da Coronavirus in Italia: sono 1.597 i casi registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano 1.434), per un totale di 283.180. Dai dati del ministero della Salute emerge invece un calo delle vittime, 10 in un giorno, mentre ieri erano 14. Il totale complessivo dei morti sale così a 35.587. In calo anche il numero dei tamponi effettuati: 94.186, poco meno di duemila meno di ieri. La regione con più casi nuovi è la Lombardia (245), seguita dalla Campania (180) e dal Lazio (163). Come ieri è sempre la Valle d'Aosta la sola regione a zero contagi nelle 24 ore. In aumento gli attualmente positivi, 974 in più (ieri 945), per un totale che sale a 35.708. E crescono ancora i ricoveri: quelli in regime ordinario aumentano di 58 unità e arrivano a 1.836, mentre le terapie intensive salgono di altre 14 unità e sono 164 in tutto. Le persone in isolamento domiciliare sono 33.708, 902 in più di ieri. I guariti sono 613 (ieri 471), e sono 211.885 in tutto.

La tabella: tutte le regioni

Unità mobili di terapia intensiva

In questi giorni prosegue l'implementazione delle dotazioni del sistema sanitario per far fronte a un eventuale crescita dell'epidemia: si è conclusa il 2 settembre e deve essere aggiudicata la gara per l'affitto di quattro strutture mobili di terapia intensiva, indetta dagli uffici del commissario straordinario all'emergenza Domenico Arcuri. Ogni "struttura movimentabile", si legge nell'avviso di gara, avrà "un totale di 75 posti letto" e dovrà essere installata "in aree attrezzabili preventivamente individuate" dalle Regioni. Queste strutture potranno essere spostate in base alle esigenze.

Iss, fase epidemiologica, Rt

Al momento comunque la situazione resta sotto controllo. "Sebbene il numero di casi riportato giornalmente sia numericamente simile a quanto riportato alla fine di febbraio 2020, la fase epidemiologica è completamente diversa", scrive l'Iss in una Faq sul calcolo dell'indice Rt pubblicata sul proprio sito. Nonostante l'aumento dell'incidenza, spiegano gli esperti, la trasmissibilità dei casi non è infatti cresciuta molto. "Questo dato suggerisce che il grande lavoro svolto dai servizi territoriali ha per il momento contenuto la diffusione del virus sul nostro territorio". Anche Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, commentando ad 'Agorà' su Rai 3, dice che i contagi in Italia "sono chiaramente in leggero aumento. Tuttavia, quando è iniziata questa crescita ad agosto, ci eravamo preoccupati perché poteva andare molto peggio di così: ci poteva essere una crescita esponenziale dei casi che ci poteva portare vicini ai valori che stanno registrando altri Paesi. Invece non è accaduto" ed è la dimostrazione che il sistema tiene. 

Ritorno a scuola, i pediatri: "Impossibile fare milioni di visite e tamponi"

Lombardia, regione più colpita

I nuovi casi di positività al Coronavirus in Lombardia sono 245 di cui 43 'debolmente positivi' e 14 a seguito di test sierologico, a fronte di 17.391 tamponi effettuati per un rapporto dell'1,4%. Si registra un nuovo decesso. I nuovi guariti/dimessi da ieri sono 116, le persone in terapia intensiva sono 30, più 3 da ieri. Sono 256 i pazienti attualmente ricoverati non in terapia intensiva, 4 in più di ieri. Da inizio pandemia sono stati eseguiti 1.775.670 tamponi. Nelle province i nuovi casi sono così suddivisi: 91 a Milano e provincia, di cui 51 a Milano città, Bergamo 11 , Brescia 17, Como 7, Cremona 7, Lecco 6, Lodi 4, Mantova 6, Monza e Brianza 22, Pavia 114, Sondrio 4 e Varese 26.

Lazio, 163 casi e un decesso

"Su oltre 10mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 163 casi, di questi 120 sono a Roma, e un decesso. Il valore Rt è a 0.52 e il ministero conferma la buona capacità di monitoraggio". E' quanto afferma l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato.  Nel Lazio sono attualmente positive 4.382 persone. Di queste, 381 sono ricoverate: 372 fuori dalla terapia intensiva e 9 in terapia intensiva. In isolamento domiciliare sono invece in 4.001. Per quanto riguarda il numero totale di casi Covid-19 esaminati nella Regione, oggi è arrivato a 12.677. Infine, il numero di deceduti fin qui è pari a 882, mentre il numero totale di guariti è di 7.413. 

Emilia Romagna: 110 contagi in più

Dall`inizio dell`epidemia da Coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 33.073 casi di positività, 110 in più rispetto a ieri, di cui 65 asintomatici individuati nell`ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Prosegue l`attività di controllo e prevenzione: dei 110 nuovi casi, 64 erano già in isolamento al momento dell`esecuzione del tampone e 43 sono stati individuati nell`ambito di focolai già noti. Sono 33 i nuovi contagi collegati a rientri dall`estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l`isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 8. L`età media dei nuovi positivi di oggi è 42 anni. Su 65 nuovi asintomatici, 33 sono stati individuati attraverso gli screening e i test introdotti dalla Regione, 5 tramite i test pre-ricovero, 26 grazie all`attività di contact tracing mentre in 1 caso l`indagine epidemiologica è ancora in corso. Per quanto riguarda la situazione sul territorio, il maggior numero di casi si registrano nelle province di Modena (23), Bologna (21), Reggio Emilia (20) e Parma (14).

Liguria, casi raddoppiati

Sono più che raddoppiati i nuovi positivi al Covid 19 nelle ultime 24 ore in Liguria: sono passati da 41 a 114 a fronte di quasi 3.000 tamponi (2966, per un totale di 259.510), mentre ieri erano stati 2351. I nuovi casi di persone infettate portano il numero dei positivi in regione a 2087. Era dal 15 giugno che il numero dei positivi era sotto quota 2000. E continua a crescere il numero dei positivi nello Spezzino, dove è attivo un cluster che ha costretto la Regione a imporre l'uso della mascherina sempre: nelle ultime 24 ore sono stati trovati 93 casi, per un totale di 573 persone infettate su 2087. Continuano a crescere anche gli ospedalizzati: sono 102, 4 in più rispetto a ieri. Restano 11 i pazienti in terapia intensiva. Nello Spezzino gli ospedalizzati sono 66 (erano 65), con 6 in intensiva. Le persone in sorveglianza attiva sono 1801, erano 1746, e quelle in isolamento domiciliare sono 839 erano 809.

Risalita in Veneto

Salgono i contagi da Coronavirus in Veneto, con 147 nuovi casi in 24 ore, che portano il totale a 24.356. Lo riporta il bollettino regionale. Sono tuttavia in diminuzione (-11) gli attuali contagiati, che scendono a 2.926, mentre non si registrano vittime rispetto a ieri. Stabile la situazione nei reparti ospedalieri, con 143 ricoverati (+1) di cui 83 positivi, e nelle terapie intensive, con 18 ricoveri di cui 12 positivi.

Campania: 180 nuovi positivi

Ci sono 180 nuovi positivi in Campania. Di questi 73 rientravano dalla Sardegna o dall'estero o sono contatti di casi di rientro tracciati in precedenza. Lo comunica l'unità di crisi della Regione. I tamponi processati nelle ultime 24 ore sono 7.482. Dal bollettino di oggi emerge anche un caso di decesso (sono 450 da inizio emergenza) e 31 nuovi guariti (4.568 in totale). Il totale dei positivi da inizio emergenza è 8.760 su 481.767 tamponi effettuati.

Crescita anche in Toscana

In Toscana sono 12.738 i casi di positività al coronavirus, 92 in più rispetto a ieri (32 identificati in corso di tracciamento e 60 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 92 casi odierni è di 38 anni circa (il 34% ha meno di 26 anni, il 21% tra 26 e 40 anni, il 35% tra 41 e 65 anni, il 10% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 64% è risultato asintomatico, il 23% pauci-sintomatico. Delle 92 positività odierne, 15 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero. 3 casi sono ricollegabili a rientri da altre regioni italiane (Sardegna).

Scuola, 2 positivi in un istituto dell'Aretino, disposta chiusura

Coronavirus, contagio in una scuola di Firenze. Due classi in quarantena

Puglia, tre morti

Sono 70 i nuovi casi di Covid registrati in Puglia a fronte di 3.916 test effettuati. Quasi la metà (32) riguardano la provincia di Bari, 1 la provincia di Brindisi; 5 la Bat, 13 Foggia, 1 Lecce, 17 Taranto, 1 fuori regione. La provincia di Taranto, negli ultimi giorni, ha subito un'impennata di casi, a causa del focolaio in una rsa di Ginosa e della presenza di numerosi lavoratori dell'azienda ortofrutticola Sop di Polignano. In Puglia, nelle ultime ore, sono stati registrati 3 decessi.

Sardegna, altri 63 contagi

In Sardegna l'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale segnala 63 nuovi casi, 49 da attività di screening e 14 da sospetto diagnostico, e include la 139esima vittima, l'uomo di 72 anni deceduto ieri in ospedale a Cagliari. In totale sono stati eseguiti 152.649 tamponi, con un incremento di 1.971 test rispetto all'ultimo aggiornamento. Sono 57 i pazienti ricoverati in ospedale (+6 rispetto al dato di ieri), mentre restano invariati i pazienti (12) attualmente in terapia intensiva.

Balzo nelle Marche

Nelle Marche nelle ultime 24 ore sono stati testati 1641 tamponi: 824 nel percorso nuove diagnosi e 817 nel percorso guariti. I positivi sono 40 nel percorso nuove diagnosi: 18 in provincia di Ascoli Piceno, 15 in provincia di Pesaro Urbino, 4 in provincia di Ancona e 3 in provincia di Macerata. Questi casi comprendono 14 rientri dall'estero (Cina, Ucraina, Albania, Macedonia, Moldavia). I soggetti sintomatici sono 7. Sono 18 i positivi al Coronavirus (13 anziani e 5 operatori) in una casa di riposo privata per anziani, nel territorio di Sant'Elpidio a Mare (Fermo). Dopo il primo caso, un'ospite di 92 anni che ha accusato sintomi compatibili col virus ed è risultata positiva al tampone, è partito lo screening a tappeto che dato numerose conferme.

Le altre regioni

In Abruzzo 11 nuovi casi, in Basilicata 6 e 8 in Calabria. Sono 68, di cui 60 legati alla filiera della carne, i nuovi contagi da Coronavirus accertati oggi in Trentino. In Piemonte un decesso e 74 nuovi positivi. Continua la crescita di positivi al Covid-19 in Sicilia: sono 106 i nuovi casi.

Le altre notizie

Zangrillo: "Berlusconi carica virale elevata, a marzo-aprile lo avrebbe ucciso"

Wwf living planet: il Covid è un segnale che la natura ci manda

Il virologo Clementi: "Stop ai test? Niente panico. Ora la cura c'è"