Roma, 27 marzo 2020 - Conferenza stampa nella sede della Protezione civile per la lettura del bollettino sull'epidemia da Coronavirus in Italia. Dati drammatici quelli sui decessi: sono 9.134 i morti in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 919. È l'incremento più alto dall'inizio dell'emergenza. Giovedì l'aumento era stato di 712. Cresce a 51 il numero dei medici che hanno perso la vita a causa del Covid-19. Sono 10.950 le persone guarite, 589 in più di ieri.

Complessivamente 66.414 gli attualmente positivi, con un incremento di 4.401. Giovedì la crescita era stata di 4.492. Il numero dei contagiati da inizio epidemia - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto gli 86.498 (con un aumento di 5.959 casi contro i 6.153 in più registrati ieri, quindi in leggero calo). L'Italia su questo fronte supera la Cina.

Sono 3.732 i malati ricoverati in terapia intensiva, 120 in più. Di questi, 1.292 sono in Lombardia. Dei 66.414 malati complessivi, 26.029 sono poi ricoverati con sintomi e 36.653 sono quelli in isolamento domiciliare.

image

Dai dati della Protezione civile emerge che sono 23.895 i malati in Lombardia (1.706 più di ieri), 9.361 in Emilia-Romagna (+511), 6.648 in Veneto (+508), 6.347 in Piemonte (+397), 2.850 nelle Marche (+55), 3.170 in Toscana (+197), 2.060 in Liguria (+33), 2.013 nel Lazio (+178), 1.292 in Campania (+123), 1.027 in Friuli Venezia Giulia (+73), 1.164 in Trentino (+70), 833 in provincia di Bolzano (+42), 1.236 in Puglia (+141), 1.158 in Sicilia (+63), 925 in Abruzzo (+65), 824 in Umbria (+54), 413 in Valle d'Aosta (+35), 496 in Sardegna (+34), 469 in Calabria (+97), 86 in Molise (+5), 147 in Basilicata (+14).

Quanto alle vittime, se ne registrano 5.402 in Lombardia (+541), 1.267 in Emilia-Romagna (+93), 313 in Veneto (+26), 569 in Piemonte (+120), 336 nelle Marche (+26), 177 in Toscana (+19), 331 in Liguria (+51), 98 in Campania (+15), 118 nel Lazio (+12), 76 in Friuli Venezia Giulia (+4), 69 in Puglia (+4), 60 in provincia di Bolzano (+12), 39 in Sicilia (+6), 68 in Abruzzo (+5), 21 in Umbria (+1), 37 in Valle d'Aosta (+9), 102 in Trentino (+16), 18 in Calabria (+4), 21 in Sardegna (+2), 9 in Molise (+1), 3 in Basilicata (+2).

Covid-19, i dati regione per regione

I numeri provincia per provincia

Lombardia

"I dati di oggi sono ancora un po' alti", ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, che ha poi spiegato come i casi positivi in Lombardia siano saliti a quota 37.298, 2.409 più di ieri; i ricoveri in ospedale sono 11.137, 456 più di ieri, quando erano aumentati però di 655 unità, a cui si aggiungono i pazienti in terapia intensiva, che sono arrivati a 1.292, 29 più di ieri. I dimessi aumentano: oggi sono arrivati a 8.001 e cresciamo di 200 persone. I decessi sono arrivati a quota 5.402, 541 più di ieri.

Positivi oltre 300 medici e infermieri agli Spedali Civili

Emilia Romagna

Sono 11.588 i casi di positività al Coronavirus in Emilia Romagna, 772 in più di ieri. 47.798 i test refertati, 5.403 in più sempre rispetto a ieri. Questi i dati accertati alle ore 12 di oggi. I decessi sono passati da 1.174 a 1.267: 93, quindi, quelli nuovi, di cui 59 uomini e 34 donne. Riguardano 25 residenti nella provincia di Piacenza, 13 in quella di Parma, 16 in quella di Reggio Emilia, 15 in quella di Modena, 13 in quella di Bologna (di cui 2 nel territorio imolese), 2 in quella di Ferrara, 1 in quella di Ravenna, 3 in quella di Forli'-Cesena (2 nel territorio di Forli'), 5 in quella di Rimini.

L'epidemia

Il picco dell'epidemia in Italia si sta avvicinando, ma non ci siamo ancora, ha detto oggi a Roma il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro. Dal 20 marzo si nota un'apparente riduzione della curva contagi, ma "non siamo in una fase calante, ma di rallentamento della crescita".

Azzolina: scuole chiuse anche dopo il 3 aprile

Coronavirus, choc in Francia: muore ragazzina di 16 anni

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19