C’è chi ha costruito con una stampante 3D i pezzi per le visiere che servivano ai medici in lotta contro il Covid, chi aiutato compagni vittima di cyberbullismo e chi non si è arreso davanti alle difficoltà più grandi. Sergio Mattarella ha nominato ieri 28 nuovi Alfieri della Repubblica. Giovani tra i 9 e i 18 anni che che si sono distinti "attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono simboli del grande cuore del nostro Paese. Le loro azioni rappresentano il futuro e la speranza in un anno che rimarrà nella storia per i tragici eventi legati alla pandemia". Oltre agli alfieri, il capo dello Stato ha consegnato tre targhe al merito per azioni collettive: ragazzi che hanno dimostrato la volontà di andare oltre le difficoltà legate alla chiusura degli istituti di istruzione. Tra i premiati i giovani di PC4U.Tech, ragazzi milanesi che hanno creato una piattaforma con l’obiettivo di portare computer e tablet nelle case dei ragazzi che non li avevano. All’Istituto Casanova di Napoli è stato riconosciuto il merito di aver costruito grazie ai suoi studenti 200 banchi per mantenere il distanziamento sociale nelle classi. I ragazzi dell’Istituto Tecnico Galileo Galilei di Bolzano per aver prodotto gel igienizzante per una scuola più sicura.