Lo hanno detto al loro medico, lo hanno ribadito in mail e telefonate e alla fine lo hanno scritto anche nei cartelli, postati dalla nipote su Instagram e diventati virali. Pierdomenico Vannini e la moglie Marinella Ermini, 82 e 77 anni, fiorentini, chiedono risposte. "Passo le giornate al telefono in attesa di una chiamata del medico – spiega lui –. Vorrei essere vaccinato, o almeno avere una data certa. Invece, quando ho detto che questa situazione mi sta creando un’enorme ansia, il dottore mi ha detto di prendere le ‘goccioline’. Ma io non ne ho bisogno, voglio solo il vaccino!". Pierdomenico e Marinella, prima di arrivare alle proteste social ne hanno provate tante: telefonate e visite al medico di famiglia, chiamate alla Asl e alla Regione. "Le altre vaccinazioni vanno avanti – continua Pierdomenico – dagli avvocati al personale scolastico. E noi che siamo i più fragili non abbiamo notizie anzi, io so di avere davanti più di cento persone. Ho buoni motivi per avere paura: temo di prendere il virus e di passarlo a mia moglie, gravemente immunodepressa. Sarei disposto anche a spostarmi per vaccinarmi senza passare avanti a nessuno".

Lisa Ciardi