Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
31 ott 2020

Scuole chiuse Covid, Conte: "A rischio la didattica in presenza"

Il premier: "Curva dei contagi ha subito impennata rapida. A lavoro per capire se si deve intervenire ancora". Ipotesi: lezioni in presenza fino a seconda media, il resto Dad

31 ott 2020
featured image
Giuseppe Conte
featured image
Giuseppe Conte

Roma, 31 ottobre 2020 - "La curva dei contagi sta subendo una impennata rapida. I numeri sono preoccupanti". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, intervenendo al Festival de Il Foglio. Il premier ha parlato della situazione della pandemia da Covid-19 in Italia e di altri temi: "Per la portata di questa seconda ondata non c'è un manuale né una palla di vetro - ha detto Conte -. I numeri sono molto preoccupanti in tutta Europa. Siamo al lavoro giorno e notte per capire se si deve intervenire ancora".

Approfondisci:

Coronavirus, verso nuovo Dpcm lunedì. Ipotesi stop spostamenti tra regioni

Covid, Conte: stiamo valutando se intervenire con altre misure

Coronavirus Italia, bollettino del 31 ottobre

Scuola

"L'impennata della curva dei contagi rischia di mettere in discussione la didattica in presenza. Alcuni presidenti di regione lo hanno già fatto. Noi continuiamo a difendere la didattica in presenza fino alla fine, ma dobbiamo mantenerci vigili per seguire e assicurare la tutela della salute del tessuto economico". Per il momento l'ipotesi che sembra valutare il governo sarebbe quella di proseguire con le lezioni in presenza fino alla seconda media, mentre didattica a distanza dalla terza media a tutte le scuole superiori. Sarebbe una proposta, secondo quanto riferiscono alcuni partecipanti alla riunione di governo di oggi pomeriggio, avanzata dallo stesso premier e offerta al confronto con i ministri.

Scuola teme lockdown, Azzolina: "Stop ultima spiaggia"
Approfondisci:

Covid, Italia sospesa aspettando il lockdown. Se non si può evitare, facciamolo subito

Vaccino

"Confidiamo di averlo a dicembre ma bisogna comprendere che arriveranno qualche milione di dose per Paese, quindi dovremo fare un piano condiviso a livello europeo per intervenire sulle fasce più fragili e via via per le altre categorie. Per gli effetti dovremo aspettare primavera quando prevedibilmente le dosi arriveranno per tutti".

Conte: prime dosi vaccino a dicembre, ma per tutti a primavera

Pandemia

"Nessun Paese è pronto a una pandemia, nessuna democrazia che non sia affidata a una organizzazione militare può sopperire con la massima efficienza agli effetti della pandemia. Contiamo sullo sforzo di tutti i cittadini. C'è rabbia, angoscia e disperazione. Molti cittadini sono disorientati, ma molti rispettano le regole. Il Paese sta mostrano grande senso di responsabilità. In primavera inoltrata confidiamo di essere venuti a capo di questa situazione e speriamo che qualche mese prima usciremo dalla curva più preoccupante".

Approfondisci:

Covid, Gran Bretagna verso lockdown. Stoccolma chiude musei e gallerie d'arte

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?