23 apr 2021

"Contagi Covid all'aperto? Uno su mille". Bassetti: coprifuoco, ripicca politica

L’infettivologo: "Andiamo incontro all’estate con fiducia, ha poco senso penalizzare ancora le attività"

alessandro malpelo
Cronaca
featured image
Il grafico sui contagi all'aperto

Calano i contagi Covid, e solo una persona su mille contrae il Coronavirus fuori dagli ambienti chiusi. Hanno senso certe restrizioni in vista dell’estate? Ne parliamo con Matteo Bassetti, presidente della Società italiana di terapia antinfettiva. Professor Bassetti, uno studio irlandese ha appurato che solo lo 0,1% dei casi di Covid-19 si verifica all’aperto. Una buona notizia? "L’avevamo detto tante volte, la stagione estiva ci viene incontro, a patto di mantenere le distanze. I contagi all’aria aperta saranno uno su mille, ha poco senso colpevolizzare le strutture in esterni, si perde di vista l’obiettivo. Occorrerebbe piuttosto limitare i contagi dove si concentrano, sui mezzi pubblici, in famiglia, negli ospedali. Ma bar e ristoranti lasciateli stare. Credo sia sbagliato puntare il dito sempre contro le attività regolamentate. Siamo stati sei mesi chiusi, e i contagi continuavano a crescere a prescindere". Il calendario delle riaperture dal 26 aprile In chiesa a messa distanziati si, ma a teatro e al cinema no. Nemmeno una deroga per le arene estive, che devono attendere il tramonto per iniziare le proiezioni. Perché penalizzare anche i cinema all’aperto? "In Italia sembra mancare una logica. Forse è passato il concetto ‘azzoppare tutti, cosi tutti corriamo meno veloci’. Lo stesso criterio che ha portato a precludere l’ingresso negli stadi, anche con pochissimi tifosi distanti tot metri uno dall’altro. Ma qualcosa sta cambiando, non dico liberi tutti, ma le attività ripartono come già accade nel resto d’Europa". E il coprifuoco alle 22 che senso ha? "Mi sembra una scelta politica. Che male c’è, io dico, a tenere aperti la sera, fino alle 23, i locali, i ristoranti? Parliamo di rischio calcolato. Del resto, anche il premier Draghi ha ammesso che il rischio zero non esiste. Quel rischio di mille volte inferiore dipende dalla bella stagione, sarebbe stupido non sfruttarla. Ora, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?