L'accusa ha chiesto 17 anni per il commerciante (ImagoEconomica)
L'accusa ha chiesto 17 anni per il commerciante (ImagoEconomica)

Catania, 18 novembre 2019 - Il gioielliere, Guido Gianni, 58enne di Nicolosi, il 18 febbraio del 2008 sparò e uccise due rapinatori che avevano assaltato il suo negozio (Davide Laudani e Sebastiano Catania) e ne ferì un terzo (Fabio Pappalardo). L'accusa ha chiesto per il commerciante diciassette anni di carcere.

Il Pm nella requisitoria ha riconosciuto all'imputato le attenuanti generiche. Secondo la ricostruzione dei periti medico legale e balistici l'uomo dopo avere ingaggiato una colluttazione con i banditi li avrebbe feriti, ma i colpi mortali sarebbero stati esplosi mentre fuggivano. I legali del gioielliere, gli avvocati Orazio Gulisano e Michele Liuzzo, hanno sempre sostenuto la tesi della legittima difesa e della momentanea impossibilità di intendere e volere di Gianni, sconvolto dall'aggressione alla moglie. Il processo riprendera' il 25 novembre con le arringhe della difesa.

Nel pomeriggio anche il leader leghista Matteo Salvini è intervenuto sulla vicenda, twittando: "La “giustizia” italiana chiede una condanna a 17 anni di galera per questo commerciante siciliano di 58 anni. Io invece sto con lui."