7 mag 2022

Codici assurdi e pin nei foglietti Era la schiavitù

viviana
Cronaca

Viviana

Ponchia

Le parole più belle non sono "Ti amo" ma "Non si preoccupi, è benigno". Woody Allen, da ipocondriaco serio, ci credeva. Ma oggi anche lui deve ricredersi. Le parole più belle state per leggerle adesso: forse già dal prossimo anno non ci sarà più bisogno di password. Un sogno? No, un atto d’amore nei confronti dell’umanità prigioniera delle troppe (almeno 12 a testa) chiavi di accesso ai (con)domini del web. Apple, Google e Microsoft hanno annunciato di voler eliminare la necessità di autenticarsi ai servizi digitali con quel sistema barbaro. Sarà possibile il login senza il maledetto codice. Se volete ringraziare qualcuno rivolgetevi a Fido Alliance, nata nel 2013 con la missione di trovare un modo per ridurre la dipendenza da una sequenza intollerabile. Missione compiuta, la vita non sarà più la stessa. Nessuno verrà respinto dalle peggiori parole che si possono desiderare di sentire, che non sono "Non ti amo più" ma "La password non è corretta". Questo è progresso. E potremmo raccontarvi come sia possibile, ma non è il caso di rovinare la festa con dettagli da nerd. L’importante è buttare via le chiavi. Della mail, di Facebook, del WiFi. Via i pin e i famigerati puk, ultima spiaggia prima del respingimento definitivo, la nostra Ellis Island annotata su un foglietto perso chissà dove, perché tanto vuoi che non mi ricordi il pin? Addio a tutti gli escamotage per accontentare un display perverso. Comequandofuoripiove non ti basta? Dici che devo aggiungere un segno sumero per rendere il mio territorio impenetrabile? Ma non ce la faccio più, veramente. Abbiamo cercato di essere audaci e originali. Il cognome da ragazza della bisnonna, la data di nascita di Michael Jackson. Tutto per sentirci dire che siamo comunque facili prede in una landa selvaggia, non solo i 103 milioni di pigri nel mondo che hanno buttato lì la ridicola sequenza "123456". Immaginate il futuro come una prateria dove non occorrerà vendicarsi con un ficcante "Vaff1voltaxtutte". E a essere cambiato ogni due mesi sarà solo lo spazzolino da denti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?