Ben&Jerry’s, lo storico marchio di gelati americani, è entrato in rotta di collisione col governo israeliano dopo aver preannunciato che, "in ossequio ai propri valori" di carattere progressista ed egualitario, fra un anno e mezzo non venderà più i suoi prodotti nei "territori palestinesi occupati". Costringendo migliaia di israeliani che risiedono negli insediamenti della Cisgiordania a fare a meno delle sue coppette di ice cream. Dura la reazione del governo di Naftali Bennett: "Errore morale".