17 mar 2022

Ciro Grillo alla sbarra. "La prova regina c’è"

Accusato con tre amici di stupro. Saranno sentiti 56 testimoni, la Bongiorno difende una vittima: "Ok all’hard disk con chat, foto e video"

Ciro Grillo, 22 anni, figlio del fondatore del M5S, è accusato di violenza sessuale di gruppo
Ciro Grillo, 22 anni, figlio del fondatore del M5S, è accusato di violenza sessuale di gruppo
Ciro Grillo, 22 anni, figlio del fondatore del M5S, è accusato di violenza sessuale di gruppo

TEMPO PAUSANIA (Sassari)

Processo a porte chiuse e dibattimento dal prossimo 1 giugno. È stata un’udienza tecnica quella di ieri nel Tribunale di Tempio Pausania (Sassari) al processo contro Ciro Grillo, figlio del fondatore del M5s Beppe, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria, i quattro amici genovesi, oggi 22enni, accusati di violenza sessuale di gruppo su due ragazze, nella notte tra il 16 e 17 luglio 2019 in Costa Smeralda, dopo una serata iniziata in discoteca e conclusa all’alba nella casa di Beppe Grillo a Porto Cervo. Il collegio dei giudici, presieduto da Marco Contu, ha ammesso a dibattimento 56 testimoni, escludendo dalle corpose liste presentate dal procuratore Gregorio Capasso, dal pool di avvocati difensori e dai legali di parte civile, due giornalisti che avevano intervistato gli imputati. Ieri i quattro imputati non erano in aula, così come le vittime. L’1 giugno saranno sentiti i primi testimoni fra quelli indicati dalla procura gallurese. "La cronaca avrà ampio spazio ma dobbiamo evitare la spettacolarizzazione. Mi preoccupano più i tempi processuali perché siamo nel 2022 e si tratta di fatti del 2019: il rischio è che si dilati la sofferenza della mia assistita – ha commentato Giulia Bongiorno, legale di una delle vittime –. La psicologa mi ha detto che devo cercare di chiamarla una sola volta per tutti gli argomenti perché ogni volta è un nuovo trauma, quindi per chi vive come vittime questo processo, la situazione è pesante".

La denuncia che ha fatto scattare l’inchiesta era partita da una di loro, una italo-norvegese che rientrata a casa dopo le vacanze in Sardegna aveva trovato il coraggio di rivolgersi ai carabinieri di Milano, raccontando di essere stata stuprata dai quattro amici nella villetta, dopo una serata al Billionaire. Proprio nel famoso locale di Porto Cervo la studentessa e la sua amica avevano conosciuto i quattro e, non trovando un taxi che le riaccompagnasse al B&B di Palau dove alloggiavano, avevano accettato di essere ospitate nella casa di Grillo. Una scelta che, secondo le accuse, si sarebbe trasformata in un incubo. Nella denuncia la ragazza italo-norvegese ha dichiarato di essere stata costretta a bere vodka, stuprata prima dal solo Corsiglia e in un secondo momento dagli altri tre. Tutto è stato ripreso con gli smartphone dai quattro amici, video e foto che sono agli atti del processo insieme ai tanti messaggi in chat scambiati fra di loro e fra le due ragazze. "La prova regina è stata ammessa – dice Bongiorno –. In quell’hard disk delle intercettazioni c’è tutto lo scambio di messaggistica tra la mia assistita e gli altri". Dopo l’analisi delle immagini sequestrate, la procura di Tempio Pausania ha modificato il capo d’imputazione accusando il gruppo di stupro anche nei confronti della seconda ragazza, oggetto di foto oscene scattate mentre lei dormiva.

Marco Principini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?