Tensione alla manifestazione di Forza Nuova al Circo Massimo (Ansa)
Tensione alla manifestazione di Forza Nuova al Circo Massimo (Ansa)

Roma, 6 giugno 2020 - Tensione alle stelle al Circo Massimo durante la manifestazione organizzata dalle curve ultras e dall'estrema destra di Forza Nuova. Una furiosa rissa tra gli organizzatori ha dato il là a scontri con la polizia e tentate aggressioni alla stampa. I manifestanti hanno caricato i giornalisti in un primo momento per poi dare il via al lancio di bombe carta e bottiglie di vetro verso le forze dell'ordine, operatori e cronisti. L'arrivo degli agenti in tenuta anti sommossa, venuti in soccorso dei colleghi inizialmente esigui di numero, ha riportato una parvenza d'ordine. A scatenare la rissa iniziale il leader di Forza nuova Giuliano Castellino e l'esponente dell'estrema destra Simone Carabella.

Domato anche un principio di incendio. Un lancio di alcuni fumogeni da parte dei manifestanti di estrema destra verso le forze dell'ordine che delimitavano l'ingresso dalla parte di via della Greca, hanno innescato le fiamme sul prato della collinetta, sullo sfondo dell'inno d'Italia. A spegnerle, alcuni agenti di Polizia con l'estintore. Tra i cori intonati durante la manifestazione anche "duce, duce". I fumogeni hanno bruciato anche una porzione di prato su un lato di Circo Massimo. Solo dopo diversi minuti la situazione si è calmata, tornando alla normalità. La manifestazione si è conclusa intorno alle 17:30, con circa un'ora di anticipo rispetto al programma.

Tre arrestati, 142 identificati

Per i disordini al momenti ci sono tre persone arrestate e 15 fermate dalla Digos. Sono finiti in manette un ultras Roma, uno della Lazio e un napoletano, quest'ultimo per porto di oggetti atti a offendere e travisamento. Il tifoso romanista è stato incastrato da un video che lo riprende mentre lancia una bottiglia di vetro in direzione delle forze dell'Ordine. A causa del lancio di oggetti un agente delle forze dell'ordine ha riportato lievi contusioni. 
Sono 142 le persone identificate per gli scontri. 

Le reazioni

"Inaccettabile violenza al Circo Massimo, con aggressione alle forze dell'ordine e caccia ai giornalisti - scrive su Twitter il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Andrea Martella -. Un doppio attacco, deliberatamente anti democratico, da condannare senza se e senza ma. Sono frange estreme, fuori dalla civiltà del Paese ma soprattutto fuori legge". Dure condanne arrivano dagli esponenti della maggioranza, sia locali, sia nazionali.