"Giovedì abbiamo approvato un decreto legge che prevede che entro il 30 settembre ci sarà un parere del Comitato tecnico scientifico e poi io spero in una misura di allargamento delle capienze; perché al teatro, stando con la mascherina, fermi, seduti, dove non si parla, non si mangia, e lo stesso vale per il...

"Giovedì abbiamo approvato un decreto legge che prevede che entro il 30 settembre ci sarà un parere del Comitato tecnico scientifico e poi io spero in una misura di allargamento delle capienze; perché al teatro, stando con la mascherina, fermi, seduti, dove non si parla, non si mangia, e lo stesso vale per il cinema, credo ci siano le condizioni di sicurezza. Credo che stiamo andando in quella direzione".

Così il ministro della Cultura Dario Franceschini (in foto), in visita a Salerno ieri pomeriggio insieme al sindaco ricandidato Vincenzo Napoli. "Stiamo aiutando – ha aggiunto Franceschini – gli operatori dello spettacolo. Abbiamo fatto molti interventi sui fondi di emergenza. Abbiamo introdotto delle tutele e degli ammortizzatori sociali che non c’erano. Stiamo proseguendo. C’è una legge delega in discussione in Parlamento. Entro questa legislatura metteremo il sistema in piena tutela".

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha spiegato perché la decisione verrà presa tra una quindicina di giorni. "Dobbiamo semplicemente valutare quello che sarà l’impatto anche delle riaperture delle scuole e del ritorno al lavoro".

Ma il bicchiere, secondo l’esecutivo, è mezzo pieno. "Sono convinto che, nel momento in cui i cittadini si stanno vaccinando, e nel momento in cui sosteniamo che il vaccino è la via d’uscita da questa pandemia, dobbiamo dare anche delle prospettive e degli orizzonti temporali, e iniziare ad intravedere che le cose possono cambiare", ha osservato Costa. "Sono convinto che per quanta riguarda le capienze ci potrà essere una revisione al rialzo".