Roma, 24 luglio 2019 - Italia fanalino di coda in Europa? Non per i centinari. Secondo l'ultimo rapporto Istat infatti il Belpaese detiene il record (insieme alla Francia) del numero di cittadini che hanno superato il secolo di vita. Sono ben 14.456 (dati al 1° gennaio 2019) e in larghissima maggioranza (84%) si tratta di donne
Nessuna delle dolci nonnine, però, è nata  nel XIX secolo: in pratica si sono estinte tutte le 'classi' dal 1896 al 1903. 

Negli ultimi 10 anni, rende noto l'Istat, la popolazione super longeva ha avuto una riduzione dopo una costante crescita fino al 2015 (anno di massimo storico con oltre 19 mila ultracentenari). Ma non c'è da allarmarsi, il motivo è semplice: sono entrati nel secolo i 'bimbi della guerra', nati in corrispondenza del primo conflitto mondiale e quindi giocoforza meno numerosi. È verosimile ipotizzare che il calo si protrarrà fino a quando subentreranno i nati negli anni del primo dopoguerra, più numerosi della coorte precedente.

Le donne resistono alla vita più degli uomini, e non è una novità. Tra i vecchissimi che hanno compiuto i 105 anni il 90% è donna: 2.564 nonnine contro 391 nonni. E al traguardo dei 110 anni non è arrivato neppure un uomo: 100% donne.

Quanto alle regioni più longeve, quella con il rapporto più alto tra semi-supercentenari e il totale della popolazione residente alla stessa data è la Liguria (3,3 per 100 mila), seguita da Friuli-Venezia Giulia (3,0 per 100 mila) e Molise (2,6 per 100 mila). La Lombardia, nonostante abbia il maggior numero di semi-supercentenari in valore assoluto (201), presenta un rapporto tra popolazione di 105 anni e oltre e quella totale residente pari a 2,0 per 100 mila, in linea con il dato nazionale (1,9 per 100 mila).  
La distribuzione regionale cambia analizzando il rapporto tra la popolazione semi-supercentenaria e la popolazione residente di 80 anni e più: con circa 36 persone di 105 anni e oltre ogni 100 mila residenti con più di 79 anni il Friuli-Venezia Giulia si posiziona al primo posto.