Il pronto soccorso dell'ospedale "Santa Maria Incoronata dell'Olmo" di Cava de' Tirreni
Il pronto soccorso dell'ospedale "Santa Maria Incoronata dell'Olmo" di Cava de' Tirreni

Cava de' Tirreni (Salerno), 21 ottobbre 2019  - Far West nel pomeriggio al pronto soccorso dell'ospedale di Cava de' Tirreni (Salerno). Una lite è degenerata ed è spuntata un pistola: durante la colluttazione due persone sono rimaste ferite. Anche se la dinamica resta ancora poco chiara, secondo le prime ricostruzioni tutto sarebbbe nato da una discussione tra i parenti di un malato e i medici del pronto soccorso. La situazione, fin dall'inizio tesa, sarebbe degenerata al rifiuto di ricovero, e qualcuno avrebbe fatto fuoco. Le persone ferite sono state sottoposte ad intervento chirurgico, ma non sono in pericolo di vita.

La lite sarebbe cominciata all'interno dell'ospedale, sembra per una precedenza nell'ordine di visita, già in mattinata: due persone, che avevano accompagnato un anziano al pronto soccorso, avevano litigato con il medico di turno. Poi nel pomeriggio la situazione è improvvisamente degenerata: il padre del dottore coinvolto, ha sparato un colpo d'arma da fuoco alle gambe di un uomo. Il figlio della vittima ha subito reagito, e ha inseguito lo sparatore. Tra i due è nata una colluttazione nel corso della quale è stato raggiunto da un colpo di pistola anche il padre del medico, che aveva fatto fuoco in precedenza. 

Da chiarire con esattezza la dinamica: non è chiaro se il padre del dottore si sia ferito da solo accidentalmente, o se sia stato colpito da un'altra persona. 
 

I carabinieri e i poliziotti commissariato locale stanno indagando. In una nota l'azienda ospedaliera "Ruggi" di cui fa parte il nosocomio di Cava de' Tirreni, scrive: "In riferimento all'episodio occorso nel pomeriggio di oggi presso il Presidio Ospedaliero Santa Maria dell'Olmo di Cava de' Tirreni (Salerno), l'azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno attende l'esito delle indagini in corso da parte dell'Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale".