11 gen 2022

Pier Ferdinando Casini di nuovo positivo al Covid

Il test effettuato all'ingresso in Senato. Presenta i sintomi di una normale influenza. Lo scorso anno, dopo aver contratto il virus, era stato ricoverato per alcuni giorni in ospedale

featured image
Pier Ferdinando Casini

Roma, 11 gennaio 2022 - Pier Ferdinando Casini positivo al Covid 19. Il senatore sta bene, presenta solo sintomi di una normale influenza. Il parlamentare è risultato positivo al test effettuato questa mattina all'ingresso a Palazzo Madama dove doveva, tra le altre cose, partecipare alla commemorazione di David Sassoli, il presidente del Parlamento europeo morto stanotte all'età di 65 anni. Casini ha dovuto quindi abbandonare il Senato ed è rientrato alla sua abitazione romana. Il senatore, che ha compiuto 66 anni lo scorso 3 dicembre, era già risultato positivo al Coronavirus più di un anno fa, quando per le conseguenze della malattia era stato ricoverato per alcuni giorni in ospedale. A quanto si apprende Casini ha già effettuato tre dosi di vaccino anti Covid. "Sto benino - ha dichiarato -. Ho una influenza tipica con tosse, una piccola congiuntivite agli occhi, mal di ossa e lieve alterazione febbrile. Niente a che vedere con un anno fa: la terza dose funziona"

L'omaggio a Sassoli

Questa mattina, prima di recarsi in Senato, Casini aveva reso omaggio a Sassoli sul suo profilo Facebook.  "Il Parlamento europeo, che ha presieduto con grande prestigio ed equilibrio, e le istituzioni italiane dovranno onorare la sua memoria come merita", scriveva il senatore. "Sono costernato per la perdita di David Sassoli, un uomo integro e specchiato che ho conosciuto prima come grande giornalista, poi come politico impegnato sui temi dei diritti civili e dell'Europa", aggiungeva. "Poche sono le parole adatte a descrivere lo smarrimento che c'è in tanti di noi davanti a questa ingiusta e prematura scomparsa".

Omicron, Ema: "Rischio ricovero dimezzato rispetto a Delta"

Approfondisci:

Zona arancione: 8 regioni a rischio, anche la Lombardia. Cosa cambia e differenze

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?