Immagine trovata nel telefono di Gabriel Natale Hjorth
Immagine trovata nel telefono di Gabriel Natale Hjorth

Roma, 13 settembre 2019 - Decine di foto di sostanze stupefacenti, armi e denaro. Dall'analisi dei cellulari di Finningan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth, i due giovani americani accusati dell'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega ucciso a Roma il 26 luglio scorso, emergono dettagli descritti in una informativa depositata dalla Procura in vista dell'udienza davanti al tribunale del Riesame. "La quantità di immagini presenti all'interno dell'apparato telefonico, aventi per oggetto effigi riproducenti narcotici e medicinali di vario tipo, - si legge nel documento - è risultata copiosa". Le immagini sono state estrapolate da alcune chat. In alcune di queste compare Natale che "unitamente alla sua presunta ragazza, o talvolta da solo, ostenta il possesso di ingenti somme di denaro che, correlate ad alcuni messaggi estrapolati dall'applicativo whatsapp presente nel telefono cellulare dell'indagato, potrebbero essere comunque derivanti dai proventi della vendita dei narcotici". Si parla di "marijuana in pezzi, in barattoli ed essiccata, piantine di marijuana, cocaina in pezzi o crack, pasticche di farmaci, probabilmente Xanax". 

Nei video armi ostentate e passamontagna

Christian Gabriel Natale Hjorth ha "padronanza e assoluta disinvoltura" nel maneggiare armi, così come Finningan Lee Elder, aggiungono i carabinieri nell'informativa. Dalle immagini emerge come i due indagati "siano spavaldi e inclini alla sregolatezza". In alcuni video è ripreso Natale mentre maneggia armi, ostentate "con irriverenza e disinvoltura" e con il volto coperto da un passamontagna. Tra le foto ce ne è una in cui si vede Natale "con un guanto blu, all'aperto mentre maneggia una pistola - presumibilmente modello Glock - nell'evidente azione di incamerare il proiettile nella canna". E poi in un'altra, Natale "all'interno di una stanza impugna pericolosamente l'arma, filmandosi allo specchio". La stessa arma, corredata di mirino laser, appare in un filmato in cui Natale è a torso nudo e indossa un guanto blu.  Dalle immagini e dai messaggi, scrivono gli investigatori, "emerge il ruolo decisivo assunto da Natale nella commissione dei delitti posti in essere unitamente a Finnegan Lee Elder". 

Immagine trovata nel telefono di Gabriel Natale Hjorth

Elder a un conoscente: mi porto il coltello

"Qualunque cosa accada ti amo... non so se riesco a tornare". Così scriveva, in una chat alla fidanzata, Finningan Lee Elder. Pochi minuti prima Cerciello Rega si accasciava a terra, colpito con 11 coltellate. La chat è citata in una informativa dei carabinieri depositata dalla Procura in vista dell'udienza davanti al Tribunale del Riesame. "Mi porto il coltello". Così scriveva Elder, reo confesso per l'omicidio del vicebrigadiere, a uno suo conoscente americano, residente negli Usa, dal quale comprava droga. Il dialogo, recuperato dai carabinieri del Nucleo Investigativo sul telefono cellulare di Elder, risale al 31 gennaio scorso.

La madre a Hjorth: "Sei bugiardo e spacci"

 La madre di Gabriel Christian Natale Hjorth era convinta della malafede del figlio che le avrebbe nascosto la sua attività di spaccio. Secondo l'informativa del Nucleo investigativo dei Carabinieri, nel corso della conversazione tra i due in cui, probabilmente dopo una lite, Gabriel Christian dice di aver solo provato dei funghi allucinogeni per la seconda volta nella sua vita, la donna lo accusa di spacciare e di essere dedito a uno stile di vita dissoluto.

Impronte di Natale dove fu ritrovato il coltello

I carabinieri del Ris, per altri versi, hanno individuato impronte palmari e digitali di Christian Gabriel Natale Hjorth, accusato in concorso con Finnegan Lee Elder dell'omicidio del sottufficiale dell'Arma, su uno dei pannelli del controsoffitto della camera dell'albergo dove i due americani erano alloggiati. Nell'intercapedine fu occultato il coltello utilizzato da Elder per colpire il carabiniere. Questo elemento nuovo, che la procura ha depositato a beneficio della difesa, aggrava la posizione dello stesso Natale Hjorth che finora si era dichiarato estraneo all'omicidio del vicebrigadiere (finora ha sempre negato di avere avuto a che fare con quell'arma) e che lunedì comparirà davanti al tribunale del Riesame per una eventuale revoca della misura cautelare in carcere. Le analisi sono state svolte sui reperti prelevati all' inizio di agosto nella stanza dell'albergo che dista 80 metri dal luogo della tragica aggressione. Elder aveva confessato di essere stato lui l'autore materiale dell'omicidio.

Clochard testimone, sarà sentito presto

Tra le ultime notizie si apprende che verrà sentito il clochard romeno Constantin Marian Sarcila che nell`ambito dell`inchiesta sull`omicidio, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la notte del 26 luglio scorso stazionava sul marciapiede della banca Unicredit di via Cesa, quartiere Prati a Roma, dove i due americani ora in carcere, avevano dato appuntamento a Sergio Brugiatelli, al quale avevano rubato lo zaino. All'appuntamento però andarono i carabinieri Andrea Varriale e il collega Cerciello Rega. Dalle dichiarazioni di Sarcila, già ascoltato dagli inquirenti, "si evince che i militari si erano qualificati quali appartenenti alle forze dell'ordine - si legge in`una informativa già agli atti - e che Natale Hjorth, ossia il giovane con i capelli in ordine, si era agitato apprendendo di essere dinanzi a dei Carabinieri". Intanto, Rosa Maria Esilio, la vedova di Cerciello Rega, assistita dall'avvocato Massimo Ferrandino, ha nominato un medico legale per un approfondimento tecnico: il perito dovrà in particolare svolgere un raffronto fra le 11 coltellate inferte al militare e i segni repertati sui vestiti del vicebrigadiere ucciso.

Ricognizione sul luogo dell'agguato

"Tra i due indagati, Christian Gabriel Natale Hjorth si è rivelato certamente il personaggio carismatico, assumendo una posizione dominante non solo nel momento in cui ha negoziato la restituzione dello zaino ma anche quando ha impartito a Finningan Lee Elder le disposizioni da adottare in occasione dell'incontro". Lo hanno scritto i carabinieri del nucleo investigativo in una informativa depositata dalla procura di Roma in vista dell'udienza davanti al tribunale del Riesame nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio Cerciello. Per chi indaga "il contributo causale di Natale" è però parimenti decisivo nella commissione del delitto. In effetti dei due indagati, Natale è l'unico in grado di ben comprendere la lingua italiana. "Si fa promotore - si afferma nella informativa - in tutte le fasi della vicenda, di ogni attività illecita; una volta giunto in Piazza Mastai unitamente ad Elder con il fine di acquistare sostanze stupefacenti, si sottrae al controllo della pattuglia dei carabinieri in borghese, pur avendo certamente riconosciuto gli stessi come appartenenti alle forze dell'ordine in quanto si erano chiaramente qualificati". E ancora: "la sequenza di immagini ha fornito determinante e ulteriore riscontro del ruolo ricoperto dall'indagato da Natale nella pianificazione dell'agguato che ha portato all'omicidio. Infatti il giovane è uscito dall'albergo per alcuni minuti prima dell'omicidio, con il cappuccio calzato allo scopo di celare la propria identità ad eventuali testimoni per compiere un vero e proprio sopralluogo".