Roma, 7 ottobre 2021 - Dovrebbe arrivare sul tavolo del consiglio dei ministri oggi pomeggio alle 18 il nuovo decreto Covid sull'allentamento delle restrizioni per ciò che riguarda le capienze di teatri, cinema, stadi, palasport e la ripaertura delle discoteche. Le linee sulle quali si sta muovendo il governo sono al momento quelle indicate all'esecutivo dal Comitato tecnico scientifico che prevedono un ampliamento ma non ancora un ritorno al 100%. Ma sono suscettibili di modifiche nel corso della discussione. Il nodo più grosso riguarda le discoteche e non mancano già le polemiche da parte degli operatori si settore. Ma vediamo nel dettaglio per nuove percentuali indicate dal Cts.

Coronavirus in Italia: il bollettino con i dati del 7 ottobre

Discoteche

Cominciamo proprio dalle discoteche che dopo un anno a mezzo riaprono i battenti, ovviamente con il Green pass. I tecnici hanno giudicato sostenibile una capienza limitata al 35% per quelle al chiuso (50% all'aperto), percentuale che però trova la netta opposizione degli operatori di settore, i quali ritengono che è troppo bassa e insostenibile economicamente. "Aprire al 35% non ha senso, è antieconomica. Di fatto meglio non riaprire". E' questa la sintesi fatta propria anche dal presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. Del resto anche tra gli stessi medici non c'è uniformità di pensiero. Ed è pressoché certo che in consiglio dei ministri la Lega cercherà di far alzare l'asticella. E già questa mattina Matteo Salvini è stato chiaro: "Follia riaprirle al 35%. Con Green pass almeno il doppio".

A Salvini replica a stretto giro di posta il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ci va come sempre con i piedi di piombo: "In questi mesi abbiamo sempre messo avanti il diritto alla salute. Continuiamo con gradualità in questo percorso".

Gimbe: terza dose a rilento. 2,6 milioni di over 50 non vaccinati

Cinema e teatri

Per quanto riguarda cinema, teatri e sale da concerto si va verso un ampliamento della capienza che potrebbe raggiungere l'80% dei posti disponibili. Per cinema e teatri non è escluso che in cdm il ministro Franceschini chieda una paercentuale maggiore.

Stadi e palazzetti

Veniamo allo sport. L'indicazione è quella di consentire una capienza del 75% per gli stadi (al momento era al 50%) e del 50% per i palazzetti dello sport al chiuso.