19 feb 2021

Cantone indaga sul mercato dei vaccini. I Nas da Arcuri e in Veneto

Il pm di Perugia fa luce sul commercio parallelo delle dosi. Sotto accusa un intermediario che offrì all’Umbria il siero di AstraZeneca

erika pontini
Cronaca
Raffaele Cantone  capo della procura di Perugia
Raffaele Cantone, 57 anni, è il procuratore di Perugia dal giugno scorso

Un mercato parallelo e milionario dei vaccini per rifornire direttamente le Regioni, anche attraverso canali esteri? È l’ipotesi su cui sta lavorando la procura di Perugia dopo che un commercialista di Messina si è spacciato come intermediario di AstraZeneca per la vendita delle dosi alla Regione Umbria, e non solo. I carabinieri del Nas – guidati dal procuratore capo, Raffaele Cantone – hanno acquisito presso la struttura commissariale di Domenico Arcuri, all’Agenzia italiana del farmaco e alla Regione Veneto i documenti di approvvigionamento dei vaccini attualmente sul mercato, le modalità di distribuzione alle Regioni e le istanze inoltrate ai fini dell’approvvigionamento diretto. Vaccini, scende in campo l'Esercito: "Operazione pronta" Pfizer gela Zaia: vendiamo solo agli Stati Moderna, verso un vaccino contro le varianti Gli accertamenti, in particolare, mirano a verificare l’ipotesi dell’esistenza di una possibile rete di cui faceva parte il commercialista siciliano, incensurato e non conosciuto come truffatore di basso cabotaggio, ma attualmente indagato per tentata truffa e sostituzione di persona. Il materiale acquisito, insieme all’esito delle perquisizioni svolte nell’abitazione e nello studio del fantomatico intermediario, compresi i tabulati telefonici del cellulare, sono ora al vaglio dei militari della salute per tracciare i contatti del professionista. Tutto inizia il 28 gennaio scorso quando il commercialista prende contatti con Palazzo Donini, sede dell’esecutivo umbro ora alle prese con il terrore-varianti, e si dice in grado di fornire i vaccini di AstraZeneca che saranno approvati proprio il giorno seguente da Aifa. La Regione Umbria però intuisce che c’è qualcosa di anomalo nell’offerta e informa i Nas del tenente colonnello Giuseppe Schienalunga. Di lì l’avvio di un’indagine che porta alla denuncia del quarantenne. Covid, Liliana Segre vaccinata Ma la partita-vaccini è ben più ampia, non solo a livello nazionale. Man mano che passano i giorni e le Regioni lamentano forniture a singhiozzo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?