Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
21 giu 2022

Meteo, il fisico Prodi: estate 2022 torrida? Non è ancora detto

"Possiamo fare previsioni solo fino a 12 giorni. Perturbazioni più a nord, ecco perché è piovuto così poco"

21 giu 2022
alessandro belardetti
Cronaca
Una turista si rinfresca in questi giorni roventi nella fontana della Barcaccia, in piazza di Spagna, a Roma
Una turista si rinfresca in questi giorni roventi
Una turista si rinfresca in questi giorni roventi nella fontana della Barcaccia, in piazza di Spagna, a Roma
Una turista si rinfresca in questi giorni roventi

Professore, sul riscaldamento globale è davvero impossibile fare previsioni oppure siamo a quel punto di non ritorno di cui parlano i cosiddetti ’catastrofisti’ del clima? "La conoscenza della fisica del clima non è tale da consentirci di fare previsioni, ma solo scenari – risponde Franco Prodi, 81 anni, fisico dell’atmosfera e climatologo riconosciuto in tutto il mondo –. I dati di fatto ci dicono che c’è un riscaldamento globale dall’inizio dell’Ottocento di 7 decimi di grado percentuale. L’attribuzione all’uomo e alla CO2, che tanto viene demonizzata, di questo aumento è arbitraria. L’uomo ha delle responsabilità, ma queste non sono quantificabili. Bisogna fermare il treno di queste Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) e Cop24: pensiamo al rispetto e alla tutela del pianeta". Solstizio d'estate 2022: data, ora e significato Meteo: caldo anomalo, fino a 43°. Città da bollino rosso. A picco il livello di Po e laghi Almeno possiamo dire che questa sarà un’estate torrida, una delle peggiori di sempre? "No, non si può dire. Fino a 12 giorni ha senso dire qualcosa, attraverso i modelli. Ma la meteorologia e le previsioni stagionali hanno caratteristiche statistiche, hanno elementi che sono ancora da approfondire. Non ci sono certezze". Quando pioverà? Previsioni meteo: temporali nel weekend, ma poco utili (e forse dannosi) Che piove meno è un dato di fatto, però. "Ecco, questa siccità che prosegue da dicembre è dovuta a un fattore semplice: le perturbazioni e i cicloni sono passati più a nord, così le Alpi hanno fatto da barriera efficace, privandoci di acqua e neve. Questo, però, non è un cambiamento climatico: il clima non può non mutare, è un comportamento connaturato nella sua definizione. Fra cinque giorni dovrebbe esserci il passaggio per 24 ore di una perturbazione". Come mai la scienza si blocca a 12 giorni con le previsioni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?