Roma, 26 febbraio 2018 - Come anticipato dalle previsioni meteo, Buran (o Burian), il vento siberiano, è arrivato portando con sé maltempo, gelo e neve sull'Italia. A Roma le scuole sono state chiuse insieme a parchi, ville e altri servizi, bloccati fino a cessato allarme con tanto di riunione della protezione civile. Ma che cos'è esattamente il Buran e perchè alcuni lo conoscono con il nome di Burian? facciamo luce sulla natura e sulle origini del nome della corrente gelida che sta imbiancando l'Italia da nord a sud.

Previsioni meteo Roma, temperature in picchiata poi torna la neve

OSTIA_29250987_151455

COS'E' IL BURAN - Il Buran (o Burian), è un vento forte e gelido di origine asiatica che spira a ovest degli Urali, tra le steppe kazake dell'Asia centrale e la Siberia, che di tanto in tanto si spinge a latitudini più basse fino a lambire l'Italia, come sta accadendo in queste ore. Il vento spira da Nord-Nord-Est portando con se bufere di neve durante la quale si verifica spesso il fenomeno del 'blizzard', quando cioè i fiocchi caduti vengono risollevati azzerando la visibilità. Gli improvvisi cali di temperatura e le gelate tipiche di questo vento, sono dovuti al fatto che arrivando in Italia da oriente, la corrente aggira le Alpi, venendone quindi solo parzialmente mitigata. Anche se di solito rimane confinata nelle steppe siberiane, l'Anticiclone russo ha occasionalmente portato la corrente in Europa e anche in Italia. Nel '900 il Buran ha colpito l'Italia ad intervalli di quasi 10 anni di distanza, mentre nell'ultimo decennio ultimi si ricordano i casi del 2012 e del 2017.

ROMA NEVE CIRCO MASSIMO_29242402_125839

FOTO_OBJ_FOTO_1_29214476

BURIAN O BURAN? L'ORIGINE DEL TERMINE - Il termine Buran (o Burian) viene dal russo 'буран' (tempesta) ed ha origine nel ceppo turco 'burağan', "vento molto forte" con versioni simili in altre lingue della zona, tutte accomunate dalla radice comune 'borche significa 'volgere, trascinare'. Secondo il dizionario etimologico della lingua italiana Treccani, la parola 'buriana' deriverebbe dalla stessa parola slava 'bahur' (ruggire infuriarsi), probabilmente passando per la forma slovena 'burja', ma potrebbe trattarsi anche di una semplice deformazione di borana da bora, che a sua volta viene dal greco 'βορέας' e dal Latino 'Boreas': Questo lo legherebbe anche ad altri termini come burrasca, borea e boria che nel tempo hanno assunto il significato, oltre che di burrasca, anche di chiasso, baldoria e trambusto. La forma Burian, largamente utilizzata dai testi giornalistici, sarebbe quindi sbagliata e si dovrebbe utilizzare 'Buran', più corretto a livello etimologico.