Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 ott 2021

Bufera sul re delle baguette "È islamista e servirà l’Eliseo"

2 ott 2021
giovanni serafini
Cronaca
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa
Il panettiere Makram Akrout, 42 anni, è arrivato a Parigi dalla Tunisia 23 anni fa

di Giovanni Serafini Troppo bello per essere vero. All’inizio sembrava una storia d’integrazione riuscita, un trionfo del buonismo nella Francia antirazzista e antixenofoba. Ma poi sono arrivati i social, gli attacchi in rete, le insinuazioni, le pugnalate virtuali e le prese in giro di Macron che in tutto questo non c’entra niente. Lui, il protagonista, si chiama Makram Akrout, ha 42 anni, fa il fornaio. Ha lasciato la Tunisia natale a 23 anni e come tanti altri sans-papiers è arrivato in Francia in cerca di fortuna. Ha lavorato duro e alla fine è riuscito ad aprire una panetteria a Parigi in boulevard de Reuilly, a due passi dalla Bastiglia. Venerdì scorso la consacrazione: una giuria di 12 esperti gli ha attribuito il Grand Prix de la Baguette, concorso che ogni anno premia il miglior fornaio della capitale. Makram, come altri 173 concorrenti, aveva consegnato al presidente della Confederazione Nazionale Panettieri il suo sacco di baguettes croccanti e rispettose della tradizione: fra i 264 e i 314 grammi di peso, fra i 55 e i 70 centimetri di lunghezza. Gli esperti hanno guardato, soppesato, annusato e assaggiato i pani di tutti e alla fine hanno deciso che la palma della vittoria spettava a lui, il tunisino. "È una bella storia, siamo felici di premiare quest’emigrato pieno di talento e buona volontà", ha commentato il presidente della giuria Dominique Anract. "Sono fiero di questo riconoscimento", ha risposto Makram posando per i fotografi davanti alla sua boutique. La consegna del premio, un assegno di 4mila euro e la nomina a fornitore ufficiale dell’Eliseo per un anno, era prevista per oggi a Notre-Dame, presente il sindaco Anne Hidalgo. Ma il super panettiere quasi sicuramente non ci sarà: colpa della tempesta scatenata dai social. È successo che alcuni internauti d’estrema destra, schifati all’idea che si preferisse un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?