28 feb 2022

Bruciata l’auto della giornalista del Tg1

L’incendio l’altra notte, Cinzia Fiorato aveva denunciato episodi malavitosi a Monterotondo: "Se pensano di intimidirmi si sbagliano"

loredana del ninno
Cronaca

di Loredana Del Ninno A fuoco la notte scorsa a Monterotondo l’auto della giornalista del Tg1 Cinzia Fiorato e del compagno, l’avvocato giuslavorista Vincenzo Iacovino. Le fiamme hanno lambito anche le vetture parcheggiate ai lati della Land Rover della coppia, distruggendo tutte e tre le macchine. Gli investigatori sono al lavoro, ma gli interessati sono convinti si tratti di un segnale nei confronti della Fiorato, da tempo impegnata a denunciare le infiltrazioni criminali nascoste dietro la "movida violenta" nel comune della città metropolitana di Roma. "Dopo svariate minacce e attacchi personali – scrive la giornalista in un lunghissimo post sui social– la nostra macchina parcheggiata è stata data alle fiamme. Questo è il mondo che sta dietro la ’movida ’ di Monterotondo, ormai in mano alla malavita e questa gravissima azione intimidatoria e ritorsiva intende sicuramente silenziare la nostra attività di denuncia delle infiltrazioni criminali nella vità notturna della città. Ovviamente noi non ci faremo intimorire, anzi. E siccome il sindaco Riccardo Varone continua a tacere e rimandare ogni iniziativa per mettere in sicurezza il nostro quartiere, ci rivolgeremo ad altri interlocuri. Chi sperava con questo atto criminale di fermarci si sbaglia". "I vigliacchi codardi hanno bruciato la nostra macchina ma non bruceranno mai la nostra dignità", fa eco Iacovino. Immediato il sostegno all’anchorwoman da parte dell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai. "Gravissimo episodio. Si faccia subito luce su quello che è accaduto e si individuino i responsabili", recita una nota. "Solidarietà a Cinzia Fiorato e al compagno ", dichiara ill commissario di vigilanza Rai, Federico Mollicone, deputato di Fdl, che aggiunge: "ll ministero dell’Interno accerti immediatamente le responsabilità e garantisca la loro incolumità. Presenteremo atti parlamentari in questo senso". Dura la reazione di Roberto Rossi, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio: "L’attentato è un segnale gravissimo. Dobbiamo ritrovare il coraggio della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?