Jeff Bezos
Jeff Bezos
Nel derby spaziale dei miliardari Richard Branson batte Jeff Bezos sul filo di lana. Il magnate britannico della Virgin volerà oltre l’atmosfera della Terra l’11 luglio, con nove giorni di anticipo sul tycoon di Amazon. L’annuncio della Virgin Galactic, che ha sviluppato una navicella in grado di effettuare voli suborbitali, ha lanciato al rialzo le azioni della società di Sir Richard e acceso la fantasia di chi ha visto nella sfida tra i due tycoon un replay nel mondo degli 0,01%...

Nel derby spaziale dei miliardari Richard Branson batte Jeff Bezos sul filo di lana. Il magnate britannico della Virgin volerà oltre l’atmosfera della Terra l’11 luglio, con nove giorni di anticipo sul tycoon di Amazon. L’annuncio della Virgin Galactic, che ha sviluppato una navicella in grado di effettuare voli suborbitali, ha lanciato al rialzo le azioni della società di Sir Richard e acceso la fantasia di chi ha visto nella sfida tra i due tycoon un replay nel mondo degli 0,01% della grande gara tra Usa e Urss per la conquista dello spazio.

Salvo colpi di scena, il take off di Bezos in Texas con la navicella New Shepard di Blue Origin resta invece in programma il 20 luglio: data simbolica perché 52esimo anniversario dello sbarco dell’Apollo 11 sulla Luna. Ad accompagnare nel volo suborbitale il fondatore di Amazon – uno degli uomini più ricchi del mondo con un patrimonio stimato di oltre 180 miliardi di dollari – sarà Wally Funk, che negli anni Sessanta si addestrò con la Nasa per il programma Mercury ma fu scartata alla fine perché donna. Ci sarà poi Mark, il fratello del tycoon e anche lui imprenditore, e un quarto passeggero ancora top secret e che ha pagato 28 milioni di dollari per aggiudicarsi all’asta il passaggio nello spazio.

Che Branson stesse bruciando le tappe lo si era capito quando la Federal Aviation Administration americana aveva qualche giorno fa autorizzato Virgin Galactic a portare clienti nello spazio dopo il successo del 21esimo volo di prova del 22 maggio. Tecnicamente quello dell’11 luglio non sarà un viaggio per turisti: sulla navetta Vss Unity, in partenza dallo Spazioporto America nel New Mexico, salirà un equipaggio di due piloti, Dave Mackay e Michael Masucci, più tre dipendenti della società. Compito del magnate, però, sarà quello di testare l’esperienza dei clienti civili una volta partiti sul serio i lanci commerciali.

Virgin Galactic, quotata in borsa dal 2019, ha venduto circa 600 prenotazioni per prossimi voli a prezzi tra i 200 e i 250mila dollari a personaggi che includono Leonardo DiCaprio e Justin Bieber. E in un video diffuso ieri Branson ha annunciato che "al rientro dallo spazio" annuncerà "novità molto eccitanti" per "dare a più persone la chance di diventare un’astronauta". I viaggi di Bezos e Branson hanno battuto sul tempo il rivale Elon Musk che con la sua navetta SpaceX trasporta astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale, ma non ha cominciato a offrire viaggi turistici.