Capodanno 2020, botti vietati in diverse città
Capodanno 2020, botti vietati in diverse città

Roma, 30 dicembre 2019 - L'arrivo di Capodanno 2020 ripropone come ogni anno la spinosa questione di botti, petardi e fuochi d'artificio, una tradizione festosa che presenta tuttavia dei rischi per l'incolumità delle persone e la salute degli animali. Per questa ragione negli anni è diventato sempre più facile imbattersi in ordinanze che impongono divieti e limitazioni in ogni parte d'Italia. Ecco la mappa città per città relativa alla notte tra il 31 dicembre 2019 e l'1 gennaio 2020.

Auguri di buon anno, frasi d'autore e immagini d'effetto

Notte di San Silvestro, ecco il menù di Capodanno

Capodanno 2020 in piazza, da Roma a Milano. Gli appuntamenti (gratuiti) imperdibili

Cosa fare a Capodanno 2020: la guida con i consigli

Milano

Nel capoluogo lombardo, il divieto di uso e possesso di petardi e fuochi d’artificio riguarderà coloro che si recheranno in Piazza Duomo per l'ormai tradizionale appuntamento con il "concertone" di Capodanno. Nelle altre zone della città l'impiego dei botti è invece ammesso nel rispetto delle norme vigenti.

Bologna 

L'ordinanza emanata dal Comune stabilisce testualmente "il divieto di scoppi di petardi dalle 12 del 24 dicembre alle 7 del 7 gennaio 2020, con l’obiettivo di "tutelare l’incolumità di tutti e impedire episodi pericolosi". Le autorità cittadine vietano inoltre "ai detentori di materiale pirotecnico (non titolari di licenza né autorizzati) di effettuare e far effettuare scoppio di petardi, mortaretti e artifici simili e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi a uso pubblico".

Firenze

A differenza di altre città toscane, tra cui Empoli, Pistoia e Lucca, nelle quali botti e petardi sono stati vietati in modo più o meno esteso, a Firenze e nei comuni del circondario non c'è un'ordinanza, ma solo un invito al buonsenso. A tale proposito i canali social del comune sono stati molto attivi nelle scorse settimane, promuovendo campagne finalizzate a disincentivare il lancio dei petardi, in particolare per proteggere gli amici a quattro zampe.

Roma

Anche nella Capitale nessuna ordinanza per l'uso di fuochi e botti, ma solo un invito a stare attenti e limitare il più possibile gli scoppi nelle zone affollate. Per ridurre al minimo i pericoli viene ricordato in particolare a turisti e cittadini la necessità di acquistare prodotti pirotecnici che riportino le certificazioni di conformità.

Saldi 2020, quando iniziano. Date regione per regione

Napoli

A Napoli non si registra alcuna limitazione per vendita e uso di materiale pirotecnico, ma si invitano i cittadini al buonsenso e al rispetto delle norme di utilizzo. In funzione di un Capodanno sicuro, negli ultimi giorni le forze dell'ordine hanno inoltre intensificato gli sforzi sul territorio, arginando il più possibile il problema dei botti illegali (come tra l'altro successo anche a Milano).

Divieti in altre città

A Genova l'amministrazione comunale ha rilasciato un'ordinanza che impedisce la detenzione di ogni tipo di materiale esplodente nelle aree pubbliche. A Torino il regolamento per la Tutela e il benessere degli animali prevede già il divieto generale di fare esplodere petardi, botti, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici. Ordinanza anti-botti anche in diverse città del Centro Sud, tra cui Pescara, Benevento, Foggia, Reggio Calabria, Catania, Palermo.