Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 set 2020

Bonaccini si toglie la maschera e attacca: "Reddito di cittadinanza? Non risolve nulla"

Il governatore emiliano contro la misura simbolo dei grillini: "È il lavoro che dà dignità, non un assegno per stare sul divano". Sulla segreteria del Pd per ora è cauto: "Zingaretti è un amico, ma basta subalternità ai Cinquestelle. Mes, serve più decisione"

17 set 2020
valerio baroncini
Cronaca
Stefano Bonaccini, 53 anni, presidente della Regione Emilia-Romagna dal 2014
Stefano Bonaccini, 53 anni, presidente della Regione Emilia-Romagna dal 2014
Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia Romagna
Stefano Bonaccini, 53 anni, presidente della Regione Emilia-Romagna dal 2014
Stefano Bonaccini, 53 anni, presidente della Regione Emilia-Romagna dal 2014
Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia Romagna

Chi conosce Stefano Bonaccini, sa quale fosse il suo sogno di ragazzino: "Volevo fare il calciatore". E il governatore dell’Emilia Romagna, che è juventino sfegatato, va all’attacco del Movimento Cinque Stelle. Come Cristiano Ronaldo, doppietta nella gara-scudetto con la Lazio. Prima sul Mes: "Per quanto io rispetti le opinioni dell’M5S, mi pare che dopo la pandemia 36 miliardi di euro servano". Poi sul reddito di cittadinanza: "Vediamo i numeri, magari ha funzionato e siamo contenti. Magari no. Vediamoli e decidiamo cosa farne". Presidente Bonaccini, è ora di rivedere il reddito di cittadinanza? "Non ne sono mai stato entusiasta. A una persona che non lavora posso pure dare per un certo periodo un assegno perché è nella disperazione, ma è il lavoro che dà dignità, non quell’assegno". Si spieghi meglio. "Una mamma e un papà guardano la tv al pomeriggio con i figli sul divano: ma lo fanno non perché lo vogliono, ma perché non lavorano. La politica dovrebbe avere il compito di dare loro un assegno per poco tempo e poi farli alzare da quel divano, farli uscire di casa e farli andare a lavorare, perché è il lavoro che dà dignità, non un assegno". Quindi lo strumento va eliminato? "Non sono al Governo, ma voglio un Pd più riformista, questo sì. Anche sui bonus non sono così d’accordo, ad esempio. Il vero valore è il lavoro. Ecco perché va irrobustita la parte di politica davvero riformista in seno al Partito Democratico: non bisogna essere subalterni a nessuno". Il rapporto con il Movimento Cinque Stelle può continuare senza accordo sul Mes? "Pensiamo a noi e pretendiamo che la maggioranza acceda a quei fondi". Il ruolo del premier Giuseppe Conte può essere anche quello del leader del centrosinistra? "Non lo so, ma so che sta governando bene. Conte ha gestito con grande ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?