È di Marco Doria l’auto nella quale gli artificieri della polizia ieri pomeriggio hanno rinvenuto e disinnescato un ordigno esplosivo in zona Prati, a Roma. L’uomo è stato nominato dal sindaco Virginia Raggi presidente del Tavolo per la riqualificazione dei parchi e delle ville storiche di Roma. Doria, principe che discende dall’antica casata romana, era già sotto protezione. Aveva infatti subìto minacce per aver denunciato le occupazioni di edifici storici a Villa Pamphilj e il danneggiamento di monumenti. Nei suoi confronti, dopo il ritrovamento di ieri, sarebbe quindi previsto un innalzamento delle misure di protezione individuale da parte del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica. L’ordigno artigianale, posizionato all’esterno della Smart di colore bianco, sotto ai tergicristallo, conteneva polvere pirica e bulloni ed era collegato all’interno del mezzo con dei fili elettrici. L’allarme era stato dato da chi aveva notato l’auto in sosta con fili sporgenti sospetti.