La stazione Termini a Roma (Ansa)
La stazione Termini a Roma (Ansa)

Roma, 3 giugno 2020 - Mentre il premier Conte ha illustrato il piano per la Fase 3 del Coronavirus in Italia, è stato diffuso il bollettino della Protezione civile con i dati di oggi sul Covid-19. E dunque le ultime notizie su morti, contagi e guariti dal Coronavirus. In aumento le vittime, anche se non sono stat registrati decessi in 12 regioni, e stabili i contagi. Oggi gli italiani sono tornati liberi di muoversi all'interno del Paese e si sono registrate le prima code al confine con la Francia e per gli imbarchi sullo Stretto di Messina. Intanto però l'Austria ha fatto sapere che al momento non riaprirà il confine con l'Italia. 

Il bollettino di oggi

Diminuiscono di 596 unità gli attualmente contagiati (39.297 il totale) e resta stabile la crescita dei nuovi positivi al test (+321, 3 in più rispetto a ieri) per oltre il 70% concentrati in Lombardia (237). Il bollettino odierno della Protezione civile registra una ripresa dei decessi (71, +16 rispetto a ieri) anche se non si sono registrate morti in 12 regioni. Dai dati della Protezione Civile emerge infatti che non ci sono vittime in Veneto, Marche, Campania, Trentino Alto Adige, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Sardegna, Valle d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. 

Nelle ultime 24 ore sono 846 i pazienti guariti e dimessi,dei quali 55 hanno lasciato la terapia intensiva (sono ancora 353 i ricoverati) mentre sono 394 i pazienti che hanno superato il periodo di isolamento domiciliare su un totale di 33.202. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati oltre 37mila (15mila in mendo rispetto al giorno precedente). 

Nel dettaglio - secondo i dati diffusi dalla Protezione Civile -, gli attualmente positivi sono 20.224 in Lombardia (-31), 4.686 in Piemonte (-142), 2.839 in Emilia-Romagna (-73), 1.387 in Veneto (-16), 973 in Toscana (-38), 514 in Liguria (-32), 2.818 nel Lazio (-29), 1.310 nelle Marche (-16), 869 in Campania (-21), 1.036 in Puglia (-15), 222 nella Provincia autonoma di Trento (-61), 880 in Sicilia (-86), 233 in Friuli Venezia Giulia (-11), 736 in Abruzzo (-7), 120 nella Provincia autonoma di Bolzano (0), 31 in Umbria (0), 146 in Sardegna (-9), 13 in Valle d'Aosta (-0), 110 in Calabria (-2), 127 in Molise (-6), 23 in Basilicata (-1). Quanto alle vittime, sono in Lombardia 16.172 (+29), Piemonte 3.898 (+14), Emilia-Romagna 4.147 (+11), Veneto 1.921 (+0), Toscana 1.055 (+2), Liguria 1.473 (+5), Lazio 747 (+6), Marche 987 (+0), Campania 415 (+0), Puglia 511 (+3), Provincia autonoma di Trento 463 (+0), Sicilia 275 (+0), Friuli Venezia Giulia 336 (+0), Abruzzo 414 (+1), Provincia autonoma di Bolzano 291 (+0), Umbria 76 (+0), Sardegna 131 (+0), Valle d'Aosta 143 (+0), Calabria 97 (+0), Molise 22 (+0), Basilicata 27 (+0). I tamponi per il Coronavirus sono finora 3.999.591, in aumento di 37.299 rispetto a ieri. I casi testati sono finora 2.497.337.

Lombardia

Con 11.355 tamponi effettuati, la Lombardia registra 237 nuovi casi di Coronavirus (che in totale sono 89.442). È di 29 invece il numero dei morti in un giorno, che salgono quindi complessivamente a 16.172. Calano invece ancora i ricoveri: sono 131 in terapia intensiva (-35) e 2.995 negli altri reparti (-26). Nel Milanese sono stati registrati 37 nuovi casi, di cui 14 nel capoluogo lombardo. In totale i contagi salgono a 23.176 in provincia, di cui 9.822 a Milano. 

Emilia-Romagna

Altri 14 contagi e 11 morti in Emilia-Romagna ma quasi il 75% dei contagiati è riuscito a guarire dal virus. Complessivamente, i positivi da inizio epidemia sono 27.842: dei 14 casi in più registrati rispetto a ieri quasi tutti, cioè 13, sono relativi a persone asintomatiche, esito dell'attività di screening regionale. I tamponi effettuati sono 3.001, che raggiungono così complessivamente quota 336.630, a cui si aggiungono 233 test sierologici. Le nuove guarigioni sono 76, per un totale di 20.856:circa il 75% sul totale dei contagi dall'inizio dell'epidemia. Continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi, che a oggi sono 2.839 (-73 rispetto a ieri). Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 2.447 (circa l'86% di quelle malate), -57 rispetto a ieri.  

I dati in Italia. Tabella in Pdf

I dati divisi per province. Il Pdf

Le altre notizie di oggi

Anticorpi Coronavirus, primo studio al mondo sull'uomo. "Potenziale cura al Covid"

De Rita: "Troppi errori sul Covid, paghiamo il conto"

Coronavirus, premiati da Mattarella i ricercatori della Statale-Sacco