Coronavirus, test in laboratorio (fotoImagoeconomica)
Coronavirus, test in laboratorio (fotoImagoeconomica)

Roma, 1 giugno 2020 - Bollettino sul Coronavirus in Italia del 1 giugno, praticamente a 24 ore dalla riapertura delle regioni che scatta mercoldì 3 giugno. Dalla Protezione civile, come di consueto, i dati su contagi, attualmente positivi, morti e guariti. Dal pomeriggio di oggi la app Immuni dovrebbe essere disponibile sugli Store e potrà essere scaricata gratuitamente da tutti gli italiani sui propri smartphone. La sperimentazione partirà, sermpre mercoledì, in 4 regioni: Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria. Sul fronte delle Regioni, se non dovesse raggiungere un'intesa con il governo sul passaporto sanitario, la Sardegna è pronta ad attivare un altro sistema di controlli che prevede "la registrazione dei passeggeri all'ingresso su una piattaforma e la compilazione di un questionario che serve a noi per avere contezza su dove concentrare i maggiori controlli", ha detto il governatore Solinas. 

Il bilancio dell'1 giugno

Prosegue il calo della curva epidemica. Sale a 233.197 il totale dei pazienti colpiti dal Covid-19 dall'inizio dell'epidemia, con un aumento rispetto a ieri di 178 casi (contro i 355 di ieri), dato più basso addirittura dal 26 febbraio. Pesano, come ogni lunedì, i pochi tamponi effettuati, 31.394 (il record è oltre 75mila), per una percentuale positivi/tamponi comunque bassissima, lo 0,56%. In particolare, si contano zero casi in 6 Regioni (Marche, Sicilia, Umbria, Calabria, Molise e Basilicata), mentre le Regioni che totalizzano 10 o meno di 10 casi giornalieri sono in tutto 17. In calo il numero dei decessi, 60 (ieri 75), per un totale che sale a 33.475. I guariti sono 878 (contro i 1.874 di ieri, ma anche qui si scontano i pochi tamponi del weekend), per un totale di 158.355. Per effetto di questi dati, il numero dei malati ancora attivi scende di 708 unità, 41.367 in tutto. Prosegue ormai da due mesi il calo dei ricoveri: quelli in regime ordinario sono 288 in meno, 6.099 in tutto, mentre le terapie intensive calano di altre 11 unità, e sono 424. Le persone in isolamento domiciliare sono 34.844.

Lombardia

Oggi in Lombardia sono stati riscontrati 50 nuovi casi positivi e 19 decessi. In totale, dall'inizio della pandemia, i positivi sono 89.018 e i decessi 16.131. I tamponi effettuati sono stati però 'solo' 3.572 (757.446 in totale), con un rapporto di positivi trovati dell'1,4%. Gli attualmente positivi calano di 135 unità a 20.861, i guariti/dimessi sono stati 166 (52.026). Ieri c'erano stati 210 nuovi casi e 33 decessi. Cala il contagio anche nel Milanese: nella Città metropolitana i nuovi positivi sono 18 (totale a 23.094), di cui 8 a Milano (9.796). Ieri i casi erano stati 32 nella Città metropolitana e 13 a Milano.

Piemonte

Sono 21 i nuovi contagi in Piemonte, 9 i decessi, 152 i nuovi guariti, mentre altri 2.993 sono considerati in via di guarigione. I dati del bollettino giornaliero sono stati diffusi dall'Unità di crisi regionale. Il numero dei ricoverati in terapia intensiva scende a 54 (- 4 rispetto a ieri), negli altri reparti a 904 (-69). Le persone in isolamento domiciliare sono 4.104.

Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore si sono registrati 19 nuovi casi di positività al Covid-19 di cui 17 sono asintomatici e derivano dall'attività di screening regionale. I tamponi effettuati sono stati 3.876, i nuovi guariti sono stati 104 mentre i decessi 10: sette donne e tre uomini. Sette morti sono relativi alla provincia di Bologna e sono riferiti non solo alla giornata di ieri ma all'ultima settimana, casi per cui si attendeva l'esito rispetto alle cause. Gli altri tre riguardano due residenti nella provincia di Piacenza e uno a Rimini.

Marche, per la prima volta zero contagi e nessun decesso

Toscana, dati 1 giugno: 3 nuovi casi e 7 decessi

I numeri nelle regioni

Le province

Le altre notizie di oggi

App immuni, subito allarme. Finta mail fa scaricare virus Unicorn

Cosa non si può fare dal 3 giugno. Alcune Regioni valutano stop selettivi

Coronavirus, Zangrillo: "Clinicamente non esiste più". Scoppia la polemica

America Latina: un milione di casi. Brasile, Bolsonaro incontra la folla

Spediti in prima linea contro il Covid. "Ora assumete gli specializzandi"