Traffico in città (Fotowebgio)
Traffico in città (Fotowebgio)

Roma, 14 gennaio 2019 - Italia nella morsa dello smog. In molte città proseguono le misure emergenziali per limitare l'inquinamento. Prorogato, in particolare, il blocco delle auto diesel fino a Euro 5, con diverse limitazioni a seconda delle ordinanze comunali, a Padova, Modena, Ravenna, Ferrara, Firenze. Revocate, invece, da domani 15 gennaio 2019 le misure emergenziali a Torino e a Bologna. Ecco, dunque, la mappa completa dei limiti alla circolazione, dove e quando si può circolare e gli altri divieti previsti nelle varie città. 

Previsioni meteo, torna la neve copiosa sulle Alpi. E anche la pianura rischia

TORINO - A Torino terminano le misure anti-smog d'emergenza. Il forte vento che sta soffiando sul capoluogo piemontese ha infatti riportato le micropolveri sotto la soglia di allerta. Da domani, 15 gennaio 2019, si torna alle sole misure a carattere permanente. Potranno circolare dunque auto e furgoni diesel Euro 4 e 5 e benzina Euro 1. Il blocco riguarderà invece gli Euro 0 di qualsiasi tipo 0-24, 7 giorni su 7; i diesel Euro 1, 2 e 3 dalle ore 08 alle 19; dalle ore 08:30 alle ore 14 e dalle ore 16 alle ore 19 per i veicoli commerciali e per quelli per il trasporto persone ad otto posti, dal lunedì al venerdì. Il prossimo controllo è previsto per giovedì 17 gennaio.

VENETO (PADOVA, VENEZIA) - In Veneto livelli di Pm10 continuano a permanere al di sopra del valore limite giornaliero in molte aree, ed è quindi scattato il livello di allerta 2 "Rosso" a Padova e a Venezia, dove si sono registrati 10 superamenti consecutivi del valore limite giornaliero. Lo comunica l'Arpav. Il medesimo livello di allerta Rosso è stato raggiunto a Piove di Sacco (Padova). Permangono al livello 1 (Arancio), Treviso, Vicenza e Verona, oltre ai comuni di Castelfranco (Treviso), Chioggia (Venezia), Este e Tribano (Padova). 

A Padova, in particolare, il blocco della circolazione è stato esteso ai veicoli commerciali diesel Euro 3 ed Euro 4 dalle 08:30 alle 12:30.

EMILIA ROMAGNA (BOLOGNA, RAVENNA, MODENA) - Proseguono fino a giovedì 17 gennaio compreso le misure emergenziali antismog a Modena, Ravenna e Ferrara, scattate venerdì scorso a causa dei prolungati superamenti del valore limite giornaliero di polveri sottili Pm10 nell'aria. Oltre allo stop degli Euro 4 (dalle 08:30 alle 18:30), tra le misure previste, c'è anche l'abbassamento delle temperature medie nelle abitazioni fino a 19 gradi e negli spazi commerciali e ricreativi fino a 17 gradi; e anche il divieto di combustione all'aperto e di uso di biomasse per il riscaldamento domestico. Misure emergenziali revocate invece a Bologna, dove quindi da domani, martedì 15 gennaio, potranno tornare a circolare i veicoli diesel Euro 4. Le restrizioni previste riguarderanno, invece, le auto fino agli Euro 3 diesel e gli Euro 1 benzina: il blocco è attivo dalle 08:30 alle 18:30 e resterà in vigore fino al 31 marzo. 

FIRENZE - Prorogata fino al 16 gennaio l'ordinanza antismog del Comune di Firenze e dei Comuni limitrofi (Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino, Signa e Scandicci), in vigore da lunedì scorso. Stop dunque alla circolazione dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30 nei centri abitati. Le limitazioni sono valide per motocicli a 2 tempi Euro 1, autovetture a benzina Euro 1 e a diesel Euro 2 ed Euro 3, veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 per il trasporto merci. I provvedimenti dureranno 5 giorni. Previsto anche il divieto di accensione di caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, se non sono il principale sistema di riscaldamento. Gli impianti non potranno essere accesi per più di 8 ore. 

ROMA -  Nella giornata di ieri, in occasione della terza delle cinque "domeniche ecologiche" programmate, la polizia locale a Roma ha eseguito complessivamente circa 2300 verifiche sui veicoli in circolazione, registrando 369 violazioni. "Rispetto alle precedenti giornate, si è potuto riscontrare un maggior rispetto del provvedimento emanato ai fini del contenimento e prevenzione dell'inquinamento atmosferico, con una diminuzione degli illeciti". Così comunica la polizia locale.