Road intersection in thick fog - blurred motion SMOG NEBBIA
Road intersection in thick fog - blurred motion SMOG NEBBIA

Milano, 20 dicembre 2018 - È allarme smog in alcune città del nord Italia. E il meteo non sembra aiutare nello smaltire l'inquinamento (qui le previsioni fino a Capodanno). Da domani a Milano e Torino scatta il blocco delle auto diesel euro 4. Confermato anche lo stop a Reggio Emilia, Modena e Ferrara. Rientrata, invece l'allerta a Parma

MILANO - Da domani, venerdì 21 dicembre 2018, scatta il blocco dei diesel euro 4. Tra le limitazioni previste c'è il divieto di circolazione per i veicoli in questione tutti i giorni dalle 08:30 alle 18:30, il divieto di superare la temperatura di 19 gradi nelle abitazioni e negli esercizi commerciali e il divieto di utilizzare sistemi di riscaldamento domestico a legna non efficiente (classe emissiva fino a 2 stelle compresa). L'introduzione dei vari divieti si è reso necessario - fa sapere l'Arpa - in seguito al superamento dei livelli consentiti di polveri sottili nell'aria per oltre quattro giorni consecutivi. La disattivazione delle limitazioni temporanee si verificherà dopo due giorni di rientro nei valori definiti, sempre previa certificazione della Regione Lombardia. 

TORINO - Da domani fino al 24 dicembre torna il semaforo arancione dello smog a Torino e nell'area metropolitana. Previsto il divieto di circolazione ai veicoli più inquinanti: dalle 08:00 alle 19:00 blocco dei veicoli diesel fino agli Euro 4 adibiti al trasporto persone; dalle 08:30 alle 14:00 e dalle 16:00 fino alle 19:00 per quelli adibiti al trasporto merci. Il 24 dicembre è prevista una nuova valutazione del livello di inquinamento, ma a quanto si apprende, la Città Metropolitana starebbe valutando, anche in caso di dati negativi, di sospendere il blocco emergenziale, lasciando in vigore solo quello strutturale sempre attivo, per le giornate festive del 25 e 26 dicembre. 

REGGIO, MODENA, FERRARA, PARMA - A partire da venerdì 21 dicembre e fino a lunedì 24 dicembre compreso, si confermano le misure emergenziali già in vigore a Reggio Emilia e Modena, per il perdurare dei valori degli inquinanti superiori alla soglia di legge (50 microgrammi al metro cubo). Ne dà notizia Arpae: scatta l'allerta anche a Ferrara e Cento, mentre rientra a Parma, sempre dal 21 dicembre, grazie al temporaneo abbassamento degli inquinanti sotto soglia. In regione restano superiori al limite di 50 microgrammi al metro cubo i valori delle polveri registrati in particolare nelle giornate del 16, 17 e 19 dicembre in diverse stazioni della regione; in particolare a Reggio Emilia e Modena, dove erano già in vigore le misure emergenziali dal 18 dicembre. A Parma, in emergenza smog sempre dal 18 dicembre, si sono verificati due giorni consecutivi di rientro sotto soglia di legge del PM10 e quindi dal 21 dicembre le misure emergenziali non sono più attive. Il superamento dei limiti di legge per tre giorni consecutivi anche a Ferrara, dove il PM10 ha raggiunto il valore massimo di 68 microgrammi al metro cubo il 16 dicembre, 64, 61 e 52 microgrammi al metro cubo nei tre giorni seguenti, fa scattare l'allerta. Nei prossimi giorni si confermano in tutta la regione le condizioni di alta pressione e stabilità atmosferica, che verosimilmente determineranno accumuli di inquinanti.