8 feb 2022

Biodinamica, crociata contro la legge "Non è agricoltura ma stregoneria"

Se oggi la Camera dà l’ok, il metodo (corno di vacca pieno di letame) sarà equiparato a quello biologico. Scienziati in rivolta

di Massimo Donelli Le truppe russe al confine con l’Ucraina? Quisquilie. Le bollette della luce alle stelle? Pinzillacchere. Lo spread che vola? Bazzecole. Ciò che conta è coltivare con il Cornoletame. Ossia letame di vacca messo in un corno di vacca. Seppellito e lasciato fermentare durante l’inverno. Disseppellito nel periodo pasquale. E distribuito "dopo aver effettuato la fondamentale operazione di miscelazione e dinamizzazione con acqua tiepida di sorgente, pozzo o piovana". Parola di Rudolf Steiner (1861-1925), teosofo e padre dell’agricoltura biodinamica. Che predica, appunto, l’uso del Cornoletame. E che, se avete un topo birichino nell’orto, suggerisce: "Catturate un topo abbastanza giovane e spellatelo in modo da recuperare la pelle quando Venere è nel segno dello Scorpione". Chiaro? Poi "bruciatela e raccogliete attentamente le ceneri: lì rimangono le corrispondenti forze negative nei confronti della capacità riproduttiva del topo. Prendete la cenere e spargetela. Potete farlo anche omeopaticamente". Steiner, spiega l’immortale Treccani, "propugnava un potenziamento dei mezzi conoscitivi umani mediante pratiche di meditazione e di concentrazione che dovevano portare, attraverso l’ispirazione, fino all’intuizione". Bene. Per quanto vi possa sembrare assurdo, il suo Cornoletame ha avuto il timbro del Senato della Repubblica. Che, nell’approvare il disegno di legge 998 (’Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico’), ha equiparato l’agricoltura biodinamica all’agricoltura biologica. Possibile? Purtroppo sì. Ma oggi il 998 va in votazione alla Camera. E speriamo, quindi, che l’aula dia seguito all’appello firmato ieri da 20 scienziati italiani (fra loro, il fisico Ugo Amaldi, l’esperto di staminali Giulio Cossu, il biotecnologo Roberto Defez, il fisico Luciano Maiani). Che chiedono di non versare un centesimo per finanziare l’agricoltura biodinamica, "una pratica esoterica opposta e inconciliabile con qualunque dato scientifico". E domandano: "Può il Paese di Galileo Galilei sostenere economicamente pratiche magiche?". Elena Cattaneo, ricercatrice di fama mondiale e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?