A sinistra, il piccolo Giacomo Lionello, 5 anni Stando ai genitori il bambino non aveva manifestato patologie in precedenza
A sinistra, il piccolo Giacomo Lionello, 5 anni Stando ai genitori il bambino non aveva manifestato patologie in precedenza

Il ministro della salute Roberto Speranza ha disposto l’invio di un’ispezione negli ospedali di Adria, Chioggia e Padova in seguito alla morte ieri mattina di un bambino di 5 anni, residente a Porto Viro (Rovigo), dopo essere stato visitato e curato nelle tre strutture sanitarie venete. Il piccolo era stato visitato domenica mattina all’ospedale di Adria (Rovigo) e dimesso con la diagnosi di gastroenterite. Come riferito dall’Ulss 3 Serenissima, era stato poi ricoverato in Pediatria a Chioggia (Venezia) per il persistere dei sintomi e salvato in tarda serata "da un improvviso arresto cardiaco". A quel punto i medici avevano deciso per il trasferimento alla Terapia intensiva pediatrica di Padova, "ma nel frattempo si sono manifestati altri due episodi di arresto cardiaco, ripresi con le manovre rianimatorie". Stabilizzato, il paziente era stato portato all’ospedale del capoluogo euganeo alle 3 di notte, prima di morire alle 7 per un ulteriore peggioramento delle sue condizioni. La decisione del ministro segue di poche ore quella, annunciata stamane, dal Presidente del Veneto Luca Zaia. "Sarà effettuata una ispezione super partes - ha sottolineato il Governatore - per ricostruire il percorso, sentire gli operatori di tutti gli ospedali e valutare passaggi e cartelle cliniche".