Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden segue, barricato e sempre più solo nella Casa Bianca, gli eventi di Kabul e medita sulla più grave crisi della politica estera americana degli ultimi anni. La priorità assoluta è affrontare nel modo migliore possibile un’emergenza che resta drammatica sul fronte dell’evacuazione di cittadini americani e afghani dall’aeroporto Hamid Karzai: "È una corsa contro il tempo", continuano a riferirgli i vertici della sicurezza nazionale, come il consigliere Jack Sullivan.

Ma il presidente è concentrato anche sul rischio che si sgretoli il fronte dei Paesi alleati, e lavora alacremente ai prossimi vertici del G7 e del G20. L’impegno è quello di trovare una futura strategia da seguire nei confronti della nuova realtà afghana con i talebani al potere".