3 feb 2022

Biden invia truppe nell’est Europa Ma offre una via d’uscita a Putin

Il presidente Usa: "Riduciamo insieme missili e soldati". Il Cremlino: "Quei 3mila militari sono un passo distruttivo"

giampaolo pioli
Cronaca
Alcuni soldati americani pronti a imbarcarsi su un C-130 dell’aviazione Usa
Alcuni soldati americani pronti a imbarcarsi su un C-130 dell’aviazione Usa
Alcuni soldati americani pronti a imbarcarsi su un C-130 dell’aviazione Usa

di Giampaolo Pioli Il Pentagono annuncia altri 3.000 soldati americani oltre agli 8.500 messi in stato di allerta dal presidente Biden. Verranno dislocati "in modo non permanente", in Polonia Romania e Germania per irrobustire le linee di difesa della Nato, ma non entreranno in Ucraina per combattere. Saranno schierati solo per difesa. Forse per enfatizzare i toni diplomatici di fronte alle minacce sui rischi di invasione, la Casa Bianca dichiara che non userà più la parola "imminente" come aveva fatto la settimana scorsa per definire l’atteggiamento aggressivo di Putin. Qualche cosa si muove dietro le quinte, oltre ai carri armati e ai cannoni russi che invece nella neve continuano a manovrare sia sui confini ucraini che in Bielorussia e Crimea quasi a formare una sorta di tenaglia dentro la quale poter stringere Kiev. Dietro la guerra delle parole e le dimostrazioni muscolari però c’è un fitto scambio di proposte scritte, offerte e rigettate tra gli Usa e la Russia nelle quali però dovrebbe farsi strada una sorta di intesa a non schierare in Ucraina né da una parte né dall’altra "missili offensivi di terra e nemmeno forze permanenti in missione di combattimento". Inoltre anche se la Nato respinge per principio il veto richiesto dai russi, "l’Alleanza non intende mettere l’Ucraina all’ordine del giorno nei suoi vertici", dicono fonti tedesche allontanando la possibilità per Kiev a breve o a lungo termine di entrare a farne parte. A Washington e nelle cancellerie europee, dove i toni sono meno ultimativi, anche se non privi di preoccupazione, la sensazione rimane che Putin si sia convinto che i suoi rivali fanno sul serio e non sia contrario a trattare, ma anzi sia rimasto sorpreso dalla sostanziale compattezza degli alleati Nato in caso di invasione. Molti vedono in queste ore il capo del Cremlino più come un giocatore di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?