29 dic 2020

Berlino conferma: fatta incetta di vaccini. Italia in ritardo, anche la neve ci rallenta

La Germania si è assicurata 30 milioni di dosi extra Ue. Roma avvia una trattativa con Pfizer e Moderna: "Incrementare del 50% le forniture"

giulia prosperetti
Cronaca

Dopo aver annunciato, lo scorso novembre, il successo della trattativa italiana nella corsa al vaccino e salutato l’acquisto centralizzato europeo come un grande traguardo, il governo deve essersi essersi messo l’anima in pace. Ma mentre il nostro esecutivo, dopo mesi di negoziati, brindava all’accordo internazionale, la Germania continuava a lavorare. In sostanza se il nostro motto è sempre stato "non ci si salva da soli", la strategia di Angela Merkel ha seguito un più lungimirante "chi fa da sé". E alla vigilia del ‘Vaccine day’ europeo i numeri hanno parlato da soli: 9.750 le dosi di vaccino PfizerBioNTech che hanno valicato il Brennero; 151.125 quelle arrivate nei sedici Land tedeschi dove ieri pomeriggio erano già state vaccinate 21.566 persone. Il giurista e i vaccini obbligatori: "Per imporli ci vuole una legge" Altre dosi arriveranno anche a noi, certo, ma potrebbero non essere sufficienti. A partire da oggi, come confermato dal Commissario Arcuri, la Pfizer invierà all’Italia 469.950 dosi del vaccino a settimana secondo il contratto sottoscritto dall’Unione Europea. Nel frattempo, mentre con 300 milioni di dosi di sieri anticovid previsti entro fine 2021 su un totale di 83 milioni di abitanti, la Germania si candida a essere tra i primi Paesi a raggiungere l’immunità e, dunque, pronti a ripartire, l’Italia cerca di recuperare terreno. Il nostro Paese ha, infatti, avviato insieme alla Commissione europea una trattativa con Pfizer e Moderna (il cui vaccino potrebbe essere validato dall’Ema nella riunione del 4 gennaio) per incrementare del 50% le forniture. Se l’Italia dovesse riuscire nell’impresa la fornitura di Moderna passerebbe da 10,7 a 15,7 milioni di dosi, quella PfizerBioNTech da 27 a 40 milioni, con complessivamente 18 milioni di fiale aggiuntive. A queste, una volta validato il vaccino, si aggiungerebbero i 40 milioni di dosi già concordate con AstraZeneca. Una sfida, tuttavia, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?