La Lega non ha subito nessun danno d’immagine. Lo hanno stabilito i giudici della Corte d’Appello di Genova, che hanno assolto l’ex tesoriere del Carroccio, Francesco Belsito, a cui i legali della Lega avevano chiesto un risarcimento di mezzo milione di euro per la perdita di consenso avvenuta tra il 2011 e il 2013 a seguito dell’inchiesta sui rimborsi elettorali non dovuti. Oltre all’ex tesoriere Francesco Belsito, nel processo d’appello per il presunto danno d’immagine sono stati assolti anche gli imprenditori Romolo Girardelli, Stefano Bonet e Stefano Lombardelli. La Lega è stata invece condannata al pagamento delle spese processuali.

"Mi sono tolto un grosso sasso dalla scarpa – ha detto Belsito, insieme al suo legale Antino Gallinaro –. Quella della Lega era solo una lite temeraria".