Roma, 12 gennaio 2018 - Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, interviene per precisare che richiedere la "bella presenza" o fare riferimento a questioni che riguardano l'aspetto fisico di studentesse e studenti quando si offrono percorsi di Alternanza scuola-lavoro "è sbagliato e inaccettabile". 

Una precisazione dovuta ai casi segnalati da organi di stampa in relazione alle descrizioni fatte da alcune strutture ospitanti sul Registro dell'Alternanza, quello che raccoglie le aziende e le realtà disposte a ospitare studenti. 

"Si tratta - precisa il MIUR - di pochissimi casi, sui quali il Ministero, attraverso la task force attivata dalla ministra Valeria Fedeli e resa nota lo scorso 16 dicembre, è intervenuto chiedendo una verifica agli Uffici scolastici regionali di riferimento. Delle quattro strutture coinvolte (tre alberghi e una pasticceria) in tre casi si trattava di offerte di Alternanza, mentre in un caso si trattava di apprendistato. Quest'ultimo sarà segnalato anche al Ministero del Lavoro. Il MIUR, oltre a ritenere improprio l'utilizzo della terminologia menzionata, ribadisce che quelli dell'Alternanza sono percorsi con finalità educative, aperti a tutte le studentesse e a tutti gli studenti, pensati per orientare, per educare al saper fare. Percorsi ai quali tutte le realtà partecipanti, le scuole, come le strutture ospitanti, devono approcciarsi nella piena consapevolezza che si tratta di un pezzo del percorso di formazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, che va curato esattamente come si curano tutti gli aspetti della formazione quando si è a scuola, con attenzione anche al linguaggio".

Il ministero rassicura le famiglie e gli studenti: la dicitura "bella presenza" "non sarà tollerata e deve essere eliminata dalle descrizioni di tutti i percorsi.