Sul caso Becciu spuntano alcune chat con monsignor Alberto Perlasca, all’epoca Capo dell’Ufficio amministrativo della Segreteria di Stato vaticana. In particolare, il 20 dicembre del 2018 Becciu (che già non era più sostituto della Segreteria di Stato) scrive a Perlasca di inviare i soldi a Cecilia Marogna. Nelle chat Becciu scrive che la sua richiesta era stata approvata dal Papa. Ieri il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ha detto che "non sa" se Becciu finirà a processo.