Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 lug 2022

Bce, svolta storica: su i tassi C’è il nuovo scudo anti spread ma non sarà più un bancomat

L’Eurotower vara un robusto aumento del costo del denaro e lascia la porta aperta ad altri rialzi. Il nuovo meccanismo di protezione contiene condizioni che per l’Italia potrebbero essere pesanti

22 lug 2022

La Bce mette fine al decennio dei tassi negativi, accontentando i ‘falchi’ con un rialzo di mezzo punto percentuale - il doppio di quanto atteso – in cambio del voto unanime sul nuovo scudo anti-spread: ma il nuovo strumento convince a metà, lasciando lo spread – in una giornata comunque segnata dai day after delle dimissioni di Draghi – a 231 punti base in chiusura. Dopo mesi di preparativi, con il pressing alle stelle dai Paesi nordici dove l’inflazione arriva al 20%, anche per l’Eurotower si mette sul solco rialzista della Federal Reserve. E Francoforte dà il via al primo rialzo dei tassi dal luglio 2011: il tasso principale sale a 0,50%, il tasso sui depositi a zero e il tasso sui prestiti marginali a 0,75%, in vista di "un’ulteriore normalizzazione" nei prossimi mesi. Parole che non fanno escludere una nuova stretta da mezzo punto l’8 settembre: una corsa repentina che ricalca quella della Fed. Perché la sequenza massiccia di rialzi negli Usa, da 75 punti base per volta, ha fatto precipitare l’eurodollaro a un soffio dalla parità, soffiando ulteriormente – Lagarde cita espressamente il problema del tasso di cambio – sul fuoco di un’inflazione in gran parte energetica. È una stretta che guarda alle "nuove stime sui rischi d’inflazione", ha spiegato la presidente della Bce riferendosi probabilmente alla rassegna delle previsioni private che la Bce pubblicherà domani, e che rischiano di evidenziare ulteriori accelerazioni. Anche se rialzi così corposi nascondono probabilmente un inconfessabile stato di necessità delle banche centrali: la crisi energetica creata dalla guerra di Putin rischia di avvicinare una recessione che sta via via restringendo la ‘finestra’ entro cui è possibile alzare i tassi. Dopo, sarà troppo tardi. Sembra certo, invece, che mezzo punto di costo di denaro in più sia valso l’assenso dei ‘falchi’ a un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?