6 mag 2022

"Non ci sarà più bisogno di password": le parole che tutti volevamo sentire

La svolta forse già dal prossimo anno. L'annuncio di Apple, Google e Microsoft insieme

viviana ponchia
Cronaca
featured image
Entro il prossimo anno non ci sarà più bisogno di password

Roma, 6 maggio 2022 - Le parole più belle che uno possa desiderare di sentire non sono "Ti amo" ma "Non si preoccupi, è benigno". Woody Allen, da ipocondriaco serio, ci credeva e forse ci prendeva. Ma oggi anche lui deve ricredersi. Le parole più belle di tutte state per leggerle qui, adesso: prestissimo, forse già dal prossimo anno, non ci sarà più bisogno di password. Un sogno? No, un patto fra giganti che sa di vera filantropia, di autentico amore per tutta l’umanità prigioniera delle troppe (almeno dodici a testa) chiavi di accesso alle case nei (con)domini del web. Apple, Google e Microsoft hanno annunciato di voler eliminare per sempre la necessità di autenticarsi ai servizi digitali con quel barbaro sistema che mette alla prova nervi e memoria. Sarà possibile il login senza il maledetto codice alfanumerico su smartphone, computer, browser. Se volete ringraziare qualcuno rivolgetevi a Fido Alliance, nata nel 2013 con la missione precisa di trovare un modo per ridurre l’eccessiva dipendenza da una sequenza di numeri, lettere e trattini. La missione è compiuta. Con calma, aspettando che ci diano il via, è arrivato il momento di pensare a una vita diversa dove nessuno si troverà davanti allo sportello del bancomat senza riuscire a ricordare le cinque cifre digitate un milione di volte con successo. Nessuno sarà respinto dalle peggiori parole che si possono desiderare di sentire, che non sono "Non ti amo più" ma "La password non è corretta". Nessuno sarà costretto a sottoporsi alla domanda di riserva per dimostrare la propria identità (si scorda anche il sacro nome della fidanzata, se negli anni è lei a cambiare con troppa frequenza). Questo è progresso, questa è libertà. E potremmo anche raccontarvi come sia possibile una rivoluzione di questo genere ma siamo al momento dei festeggiamenti e non è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?